“La magnifica stronza. Perché gli uomini lasciano le brave ragazze”: il nuovo libro di Sherry Argov

Alessia Sità

ROMA – Dopo il successo di “Falli Soffrire” e “Falli Soffrire 2.0”, Sherry Argov torna in libreria con un nuovo lavoro pubblicato per Piemme editore: “La magnifica stronza. Perché gli uomini lasciano le brave ragazze”. Al centro della riflessione della brillante scrittrice e commediografa americana, è ancora una volta l’universo maschile e femminile, analizzato in un’ottica sempre più proiettata al matrimonio. Fin da subito, la Argov sottolinea che ‘la magnifica stronza non è un altro  di quei libri su come si accalappia un marito’, piuttosto vuole essere una sorta di ‘breviario’, ricco di spunti e consigli utili, per le donne che desiderano imparare a relazionarsi con la propria anima gemella, evitando però di trasformarsi in un misero zerbino solo per arrivare all’altare.
Con il suo stile pungente, ironico e lineare come sempre, Sherry Argov traccia il profilo tipico della ‘stronza’, puntualizzando come di consueto che non si tratta di una ‘donna cattiva o meschina’, ma di una donna sicura di sé e completamente autonoma, sia nella vita privata che in quella di coppia. Dalle numerose ricerche e interviste, rivolte principalmente a un pubblico maschile, emerge che in realtà ‘gli uomini non sono refrattari all’impegno, desiderano l’amore e il matrimonio proprio come le donne’.
In modo divertente e talvolta sarcastico, Sherry Argov spiega perché gli uomini sposano le stronze e non le brave ragazze; pagina dopo pagina, la scrittrice insegna al gentil sesso il modo migliore per approcciarsi col proprio partner, rivelando piccoli segreti e ‘perle di saggezza’ per essere sempre felici.  Basta passare ore e ore a preparare manicaretti per lui. Basta credere alla favola del principe azzurro. Basta essere sempre concilianti e annullare i propri interessi per fidanzati o spasimanti. Non dimenticate mai la regola numero 75: ‘Un uomo non sposa la donna che lo mette sul trono. Sposa la donna che dimostra di essere una sua pari… una donna speciale con la quale può condividere tutti i momenti speciali della sua vita’.

Info su Alessia Sità

Laureata in Editoria e Giornalismo, da sempre coltiva l’amore per il teatro, la lettura e la poesia. Passioni che si sono concretate nel gruppo culturale “Il Carro dell’anima”, nato molti anni fa nel suo piccolo e splendido paese. Per lavoro, si interessa anche di televisione, intrattenimento e serie TV. Ama trascorrere il tempo libero andando al cinema o facendo un salto in libreria (adora, infatti, immergersi nella letteratura chic lit e perdersi in tutte le forme che la cultura può assumere). La sua filosofia di vita si ispira essenzialmente a una delle poesie più belle di Emily Dickinson: “Non esiste un vascello veloce come un libro per portarci in terre lontane né corsieri come una pagina di poesie che si impenna questa traversata può farla anche il povero senza oppressione di pedaggio tanto è frugale il carro dell’anima.”
Questa voce è stata pubblicata in 2012, novità, novità editoriali, piemme, recensione, recensioni, Sherry Argov. Contrassegna il permalink.

4 risposte a “La magnifica stronza. Perché gli uomini lasciano le brave ragazze”: il nuovo libro di Sherry Argov

  1. Michael scrive:

    le donne “con le palle” hanno fascino… sanno imporsi, sanno ciò che vogliono e questo, secondo me, è sempre bello.. nella coppia è necessario avere “parità”… ci si viene incontro, ci si aiuta, si deve essere entrambi ugualmente “stronzi”… :D

  2. Alessia scrive:

    Credo che la parità fra uomo e donna sia fondamentale nella coppia come nella vita di tutti i giorni. Secondo me, uno dei segreti per vivere bene è essere liberi e indipendenti :)

  3. Anna scrive:

    Lasciano le brave e sposano le stronze, perchè gli uomini sono stupidi di natura e le stronze ci sanno fare e li abbindolano……Però dopo un pò si rendono conto di aver fatto una stronzata e se ne pentono a vita…ma oramai è troppo tardi…….

  4. Alessia scrive:

    Non posso darti torto Anna; accade molto spesso quello che tu descrivi… credo sia importante, in ogni caso, non perdere mai di vista la propria interiorità. Tentare di applicare delle regole da manuale nella vita reale non sempre si rivela la scelta migliore :) Insomma, quante teorie inutili: stronze si nasce o stronze si diventa???? Francamente non lo so!!!! Quello che conta è sentirsi sempre alla pari con fidanzati, amici o mariti… :) Grazie per aver commentato.

Rispondi