“Ordinary”, la Graphic Novel. Storia e immagini di un’anima fragile

ordinary_recensioneGiulia Siena
ROMA
“Non sono pronto ad abbandonare la speranza”. Così torna Diego, l’anima fragile, sensuale e romantica di “Ordinary”, il romanzo dello scrittore Emiliano Reali. Diego torna, ma questa volta il suo personaggio è anche una figura, un disegno che si muove su una scenografia di immagini e situazioni; questa volta è “Ordinary Graphic Novel”.

La storia di questa Graphic Novel comincia nel marzo 2013, quando la casa editrice DEd’A, in collaborazione con lo scrittore romano, lancia “Una riga per un tratto“, il contest rivolto a illustratori e disegnatori esordienti romani per trasformare il romanzo “Ordinary”in una storia a immagini. A vincere è stata Giuditta Gaudioso che per mesi ha lavorato accanto a Reali per dare alle stampe una storia intensa, commovente e attualissima.

La storia è quella di Diego, è la storia di un giovane omosessuale che ogni giorno si scontra contro le indifferenze sociali, i problemi lavorativi, i drammi e i tranelli che i giovani devono schivare ogni giorno; Diego è il protagonista fragile – o meglio, all’apparenza fragile – che nel corso della storia mostrerà la determinazione e la consapevolezza, la sua forza nel lottare e nel cercare. Ma la storia di Diego è anche la storia di una grande amicizia, il racconto – narrato in modo limpido da Emiliano Reali e sottolineato con forza dalle illustrazioni di Giuditta Gaudioso – della ricerca di un amore puro e sincero. Una ricerca che va oltre le differenze di genere, una ricerca quasi foscoliana di un “porto quiete” che sia complicità, accoglienza e abbandono. Una ricerca che percorre tutti i capitoli di questa storia a immagini ed è la stessa ricerca che ha visto Diego, già protagonista anni fa del romanzo “Ordinary”, paladino dell’amore sincero.

 

VEDI QUI LA VIDEOINTERVISTA iTvRome CHRONICALibri a Emiliano Reali

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Un commento

Rispondi