10 Libri per l’autunno 2015, ovvero le letture nelle mezze stagioni

10Libriperlautunno_CHRL_giulia sienaGiulia Siena
PARMA – Metereologicamente ci siamo, è autunno, la stagione perfetta per leggere o ricominciare a leggere. La stagione perfetta per chiudere la finestra, scegliere un buon libro e sistemarsi a letto o in poltrona, un po’ come suggeriva Italo Calvino nelle prime pagine di “Se una notte di inverno un viaggiatore”. Ecco, ora siete pronti ad aprire il vostro libro e tuffarvi nelle pagine del racconto… Ah, no, dimenticavo: spegnete gli smartphon, staccate il telefono, scollegate il pc, il tablet, il forno, la lavatrice, la tv. Disattivate tutto, lasciate che si connetta solo il cervello, e il cuore. Leggere d’autunno è relax e dedizione. Il resto è solo rumore.

Su cosa leggere vi aiuto io e vi spiego anche il perché.
Vi aiuto perché la mia natura selettiva un giorno ha incontrato la mia esigenza di leggere… da allora le cose vanno piuttosto male: il bisogno compulsivo di avere un libro tra le mani si è scontrato con la logistica di traslochi e convivenze e tutto questo non ha fatto altro che peggiorare la mia inclinazione naturale nello scegliere e scartare. La lettura, infatti, mi ha reso negli anni molto sensibile al modo di scrivere e raccontare, alle tematiche e alle parole, ai dialoghi e alle storie. Nel marasma della produzione editoriale cerco ogni giorno di venirne a capo, leggo, scelgo e scarto. Io ho scelto per voi i 10 Libri per l’autunno 2015. Vi fidate?

 

1. “Lei dunque capirà” di Claudio Magris, Garzanti
Ottimo libro per iniziare a conoscere lo scrittore triestino Claudio Magris che in questo racconto dà prova della sua geniale scrittura. A parlare è una donna che cerca di giustificare il suo amore, totale e straziante, per un uomo. Non una confessione qualunque.

2. “La città verticale” di Osvaldo Piliego, Lupo Editore
Mi chiedete se in circolazione c’è un autore giovane e brillante? Sì, c’è e si chiama Osvaldo Piliego. Lessi, tempo fa, il suo “Fino alla fine del giorno”, poi rimasi “turbatissima” dal suo racconto in “Inchiostro di Puglia” e ora il suo ultimo romanzo è la prova che Piliego scrivo cose che meritano di essere lette. Lecce, un condominio e la sorda indifferenza della periferia italiana. Geniale.

3. “Interno con figure” di Fausta Cialente, Edizioni Studio Tesi
Diverse tematiche coesistono in questo libro scritto dalla grande penna della Cialente e dato alle stampe nel 1976. Donne affascinanti e bambini fantasiosi si muovono sullo sfondo di una Italia modesta degli anni Venti. Alla malizia si contrappone l’innocenza, all’astuzia la spontaneità. Interessante.

4. “Il viaggio” di Murray Bail, Calabuig
Frank Delage, inventore di pianoforti, è in viaggio verso l’Australia di ritorno dall’Europa. Un viaggio in nave, un viaggio lungo e ricco di incontri; ma il racconto di questo viaggio viene continuamente interrotto dalla descrizione dei pensieri e delle considerazioni del protagonista: Vienna e i tanti personaggi che hanno costellato il soggiorno austriaco sono un altro e nuovo viaggio. Riflessivo.

5. “La proprietà transitiva” di Nelson Martinico e Federico Ligotti, Edizioni Spartaco
Italia, nazione scandalosa, sotto  tanti punti di vista. Ma tra qualche anno, in un ipotetico futuro, lo sarà ancor di più. Siamo nel 2040: cospiratori, affaristi, assassini e politici porteranno a una vera e propria cospirazione sociale. La storia, però, arriva da lontano. Nuovo e rocambolesco.

6. “Il matrimonio di Maria” di Cristina Campo, Feltrinelli
Una meccanico, l’altra insegnante: Patti e Maria sono due donne che si amano ma dovranno cercare un marito di convenienza, almeno per una delle due! Irriverente.

7. “La strada interrotta” di Patrick Leigh Fermor, Adelphi
E’ il 1933 quando Fermor, appena diciottenne, decide di avventurarsi alla volta di Costantinopoli. A piedi. Dall’Inghilterra. In spalla ha uno zaino carico di curiosità e pochissimi soldi. Quello che ne verrà fuori è un racconto lucido di quel viaggio raccontato dopo oltre quarant’anni. Coinvolgente.

8. “Quello che hai amato”, Autori Vari, a cura di Violetta Bellocchio, UTET
Undici donne raccontano quello che hanno amato: momenti, oggetti, relazioni, dettagli. Undici donne capaci di raccontare se stesse e il loro mondo con uno sguardo diverso, fatto di realtà. Introspettivo.

9. “Scintilla. Dalla Valle alla metropoli, una storia antagonista della lotta per la casa” di Cristiano Armati, Fandango
Il diritto a una abitazione è diventata un lusso e in città in cui è difficile sostenere i prezzi degli affitti entra in gioco l’occupazione delle case. Documentario.

10. “Il posto” di Annie Ernaux, L’Orma editore
Romanzo autobiografico ambientato in una città normanna. Scrittura chirurgicamente perfetta per narrare la storia di un droghiere e una donna alla ricerca della propria origine. Semplice e perfetto.

 

Informazioni su Giulia Siena

Direttore. Per gli amici: il direttore di ChrL. Pugliese del nord, si trasferisce a Roma per seguire i libri e qui rimane occupandosi di organizzazione di eventi e giornalismo declinato in modo culturale e in salsa enogastronomica. Fugge, poi, nella Food Valley dove continua a rincorrere le sue passioni. Per ChrL legge tutto ma, come qualcuno disse: "alle volte soffre un po' di razzismo culturale" perché ama in modo spasmodico il Neorealismo italiano e i libri per ragazzi. Nel 2005 fonda la rubrica di Letteratura di Chronica.it , una "vetrina critica" per la piccola e media editoria. Dopo questa esperienza e il buon successo ottenuto, il 10 novembre 2010 nasce ChronicaLibri, un giornale vero e proprio tutto dedicato ai libri e alle letterature, con occhio particolare all'editoria indipendente. Uno spazio libero da vincoli modaioli, politici e pubblicitari. www.giuliasiena.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Rispondi