Gli anni che restano e il ricordo che forma

Giulio Gasperini
AOSTA – Una delle più grande avventure che gli uomini e le donne possono affrontare è quella del recupero del passato: che sia un’elaborazione del ricordo, un lungo e doloro processo di cancellazione, oppure una missione di riesumazione di luoghi, volti e parole, andare alla ricerca del proprio passato innesca sempre una ri-presa di consapevolezza del sé e dell’altrui che non può mai lasciare indenni né inalterati. Non è un caso che non ci si decida quasi mai di propria iniziativa a intraprendere quest’esperienza, ma si sia sempre costretti – la maggior parte delle volte – da un evento esterno, indipendente e che, spesso, è sentito come costrittivo; proprio quello che accade al protagonista della graphic novel Gli anni che restano, di Brian Freschi e le illustrazioni di Davide Aurilia, edito da Bao Publishing.
In un percorso a ritroso, che si affonda sempre più negli anni giovanili, partendo da un presente frustrante e asfissiante di monotonia, il protagonista Mauro si riappropria della sua memoria e dei suoi affetti, in seguito alla notizia della morte del suo migliore amico, col quale aveva perso i contatti anni prima. Quella di Mario non è soltanto una ricerca, ma diventa un percorso di iniziazione e di crescita, un sentiero di risignificazione e di riappropriamento di un senso che si era smarrito, che non era stato affrontato completamente, come sempre accade in ogni storia.
Le illustrazioni di Aurilia si accompagnano alle parole di Freschi, a volte lasciando lunghissimi silenzi coperti solo di colore e di movimenti che si allontanano o si avvicinano, trascinando il lettore in lunghe lunghissime dilatazioni temporali e stagionali, a comprendere quasi la vita di ognuno, per non lasciare sola e slegata dalle altre. Le età della vita di Mauro sono quelle che chiunque vive, e questo è un motivo in più per sentirsi appartenenti alla stessa narrazione di base, alla medesima possibilità di incontro e significazione. La ricostruzione di un passato neanche sospettato appassiona e alimenta un’attesa che non è solo curiosità da fiction, ma trasporto per un percorso che si sente possa aiutare a elaborare personali dettagli e relazioni, trasformando la storia di Mauro in una storia di potente indagine universale.
La ribellione, i doveri, le sregolatezze, i drammi, gli amori – corrisposti o meno: tutto fa parte della storia dell’individuo, tutti si ritrova e si rincorre senza soluzione di continuità, in un difficilissimo tentativo di arrivare finalmente un giorno – se non proprio a capire – almeno a rimettere ordine nella confusione dei tasselli sparpagliati ovunque altrove.

Informazioni su Giulio Gasperini

Laureato in italianistica (e come potrebbe altrimenti), perdutamente amante dei libri, vive circondato da copertine e costole d’ogni forma, dimensione e colore (perché pensa, a ragione, che faccian anche arredamento!). Compratore compulsivo, raffinato segugio di remainders e bancarelle da ipersconti (per perenne carenza di fondi e per passione vintage), adora perdersi soprattutto nei romanzi e nei libri di viaggio: gli orizzonti e i limes gli son sempre andati stretti. Sorvola sui dati anagrafici, ma ci tiene a sottolinare come provenga dall’angolo di mondo più delizioso e straordiario: la Toscana, ovviamente. Per adesso vive tra i 2722 dello Zerbion, i 3486 del Ruitor e i vigneti più alti d’Europa.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Rispondi