“Diario 1999”, Fazi pubblica l’inedito Valentino Zeichen

Giulia Siena
ROMA – 1999. Valentino Zeichen, uno dei maggiori poeti di fine Novecento, figura istrionica e anticonvenzionale, raccoglie i suoi giorni in un diario. Parole, riflessioni, recensioni, confidenze, pensieri, noia, ironia, malinconia  e quotidianità: gli scritti di Valentino Zeichen sono occhi schietti sul mondo che si appresta a chiudere il secolo. Con il Novecento stanno andando via le ultime certezze, i tanti amici, le serate mondane, e il freddo, tra le lamiere di una baracca che per Zeichen è casa, si fa più pungente. Il senso di solitudine accompagna un pensiero ricorrente: “Dove sta il mio fallimento? Nel fatto che sono un poeta, anche stimato, ma povero. Se avessi avuto la costanza di sopportare una moglie noiosa e tiranna, ma capace di praticare l’editing sul romanzo, avrei potuto conquistarmi una notorietà che non ho. Pur non mancandomi la vena narrativa, ne ho scritto uno solo, perché non sopporto di avere una tutrice. (27 ottobre 1999)” Eppure quello del poeta fiumano non è un rimorso, ma la consapevolezza di non esser riuscito mai a barattare la propria libertà per una vita agiata e convenzionale. 

Diario 1999 – pubblicato da Fazi Editore con il sottotitolo di romanzo – romanzo non è; è una raccolta che narra senza filtri né mediazioni il mondo di Zeichen. Qui la parola non sempre è poesia, piuttosto tramite tra l’interiorità e l’esterno, il peso dei doveri e la volontà fiacca, l’esigenza di osservare, dire e confrontarsi e il bisogno di essere fedeli a sé stessi, al proprio ruolo. Ma Valentino Zeichen – all’anagrafe Giuseppe Mario Zeichen, fiumano classe 1938 e trasferitosi a Roma negli anni Cinquanta, dove morì improvvisamente il 5 luglio 2016 – non ha mai amato i ruoli. Le convenzioni non sono mai appartenute a quest’uomo onesto e disilluso, ironico e irabondo, scontroso verso la società consumistica, verso gli intellettuali altezzosi e gli standard capitalistici.
Diario 1999 ci presenta ogni giorno uno sguardo critico in attesa che il poeta riesca a scrivere un libro su Roma, riesca a rimediare una cena o la compagnia di qualche amico mettendo da parte la tanto amata solitudine. Ogni giorno di questo 1999, per Zeichen, è un barcamenarsi verso la fine, troppo sopravvalutata o discussa. La sua arriverà in quel giaciglio povero e familiare di via Flaminia.

 

“Cos’è la fine della vita?
E’ un facsimile
di penna biro
che fino a poco prima 
scriveva benissimo.
E in un subitaneo improvviso 
finisce il suo inchiostro
lasciando sulla carta
un ultimo segno esangue
simile al frego d’unghia”.
(6 aprile 1999)

Informazioni su Giulia Siena

Direttore. Per gli amici: il direttore di ChrL. Pugliese del nord, si trasferisce a Roma per seguire i libri e qui rimane occupandosi di organizzazione di eventi e giornalismo declinato in modo culturale e in salsa enogastronomica. Fugge, poi, nella Food Valley dove continua a rincorrere le sue passioni. Per ChrL legge tutto ma, come qualcuno disse: "alle volte soffre un po' di razzismo culturale" perché ama in modo spasmodico il Neorealismo italiano e i libri per ragazzi. Nel 2005 fonda la rubrica di Letteratura di Chronica.it , una "vetrina critica" per la piccola e media editoria. Dopo questa esperienza e il buon successo ottenuto, il 10 novembre 2010 nasce ChronicaLibri, un giornale vero e proprio tutto dedicato ai libri e alle letterature, con occhio particolare all'editoria indipendente. Uno spazio libero da vincoli modaioli, politici e pubblicitari. www.giuliasiena.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Rispondi