Anteprima: “Hai la mia parola”, un inno alla libertà e all’amore

Giulia Siena
PARMA
“Ho sempre pensato che tu correvi anche per me, che eri anche i miei piedi. Io invece ero parte dei tuoi occhi: leggevo anche per te, che non sapevi farlo”. Hai la mia parola, il nuovo e atteso romanzo di Patrizia Rinaldi, sarebbe dovuto arrivare in libreria a fine marzo. L’emergenza sanitaria dovuta al Covid19, però, ha scombinato la nostra normalità, sovvertito la routine quotidiana sotto ogni aspetto, ed anche le scadenze editoriali. La “nuova nascita” avverrà domani, 14 maggio, quando Hai la mia parola, pubblicato da Sinnos, arriverà in tutte le librerie.

L’attesa dell’uscita ha permesso comunque a questo libro di lasciarsi leggere in tutta la sua tenera e intensa poesia. Il romanzo della Rinaldi – scritto e rivolto ai ragazzi – è la storia di una diversità, la storia di un legame coraggioso che è fatto di ribellione, fughe, rinascite e sentimenti vivi e genuini.
Nera e Mariagabriela sono sorelle in una Sardegna antica e selvaggia. Mariagabriela è bellissima, ma i suoi occhi presto conosceranno le ombre. Nera conosce la lettura e la scrittura, ha il dono della narrazione ma è zoppa. Hanno perso la mamma, hanno una matrigna che le disprezza e un padre per il quale sono invisibili; in questo contesto il supporto una per l’altra è fondamentale: vivono per l’amore reciproco. Hanno delle “mancanze”, ma hanno l’amore. “Tutte le persona con le mancanze dovrebbero imparare a leggere e quindi a scrivere. Tutte le persone con le mancanze dovrebbero avere la possibilità di vivere altre vite, anche solo se scritte, anche soltanto immaginate nelle loro teste”.

La loro vita cambia per colpa del Visconte e di quell’odio che ancora una volta si mette tra loro; la sofferenza, la fuga e il ricordo diventeranno però un esercizio di crescita e di evoluzione. Un’avventura, quella di Hai la mia parola, che attraversa gli occhi del lettore e lo coinvolge in questo lungo abbraccio fatto di consapevolezza, poesia, saggezza e amore (per la libertà, per la parola, per la forza della giovinezza e quella della maturità).

Informazioni su Giulia Siena

Direttore. Per gli amici: il direttore di ChrL. Pugliese del nord, si trasferisce a Roma per seguire i libri e qui rimane occupandosi di organizzazione di eventi e giornalismo declinato in modo culturale e in salsa enogastronomica. Fugge, poi, nella Food Valley dove continua a rincorrere le sue passioni. Per ChrL legge tutto ma, come qualcuno disse: "alle volte soffre un po' di razzismo culturale" perché ama in modo spasmodico il Neorealismo italiano e i libri per ragazzi. Nel 2005 fonda la rubrica di Letteratura di Chronica.it , una "vetrina critica" per la piccola e media editoria. Dopo questa esperienza e il buon successo ottenuto, il 10 novembre 2010 nasce ChronicaLibri, un giornale vero e proprio tutto dedicato ai libri e alle letterature, con occhio particolare all'editoria indipendente. Uno spazio libero da vincoli modaioli, politici e pubblicitari. www.giuliasiena.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *