Caboni e Cuddemi raccontano il Paese Museo

“Da quassù”, la prodigiosa rinascita di San Sperate

In libreria dal 25 marzo, Da quassù è il bellissimo albo narrato con le parole di Cristina Caboni e arricchito dalle immagini di Flavia Cuddemi. Pubblicato da NoArte Paese Museo, il testo – in italiano – è stato tradotto anche in sardo (da Salvatore Mossa) e in inglese (da Ellen Pala e Davide Artizzu).

La luce è forte; è una primavera limpida. E lo sguardo dal quale siamo accompagnati è quello di due rondini che sorvolano questa cittadina a pochi chilometri da Cagliari dove, nel giugno del 1968, alcuni giovani si sono resi protagonisti di una vera e propria rivoluzione culturale ed artistica. Quel piccolo paese fatto di case dal colore bruno del fango e della paglia ha assunto, improvvisamente, i toni luminosi e abbagliati del bianco. Le linee e le forme, le parole e le immagini hanno trovato spazio sui muri. Tanti giovani, diversi bambini e quindi una comunità intera che, rimboccandosi le maniche, ha rinnovato il rituale tradizionale di abbellire le piazze per i riti religiosi; ha vivacizzato i giorni, colorato le strade, attirato la curiosità di turisti e viaggiatori. San Sperate è diventato un Museo a cielo aperto – sono oltre 500 le opere d’arte nello spazio pubblico e ogni anno si arricchisce di installazioni, sculture – un luogo che ha mutato forma ed è riuscito ad accogliere, avvicinare i propri figli, lanciando un fortissimo messaggio artistico e culturale: l’arte è avere il coraggio di osare e di perseguire la bellezza.

Da quassù è un omaggio all’ospitalità del Paese Museo che in questi primi cinquant’anni di “nuova vita” è riuscito a rafforzare il rapporto con i sansperatini e a creare un legame indissolubile con tanti nuovi turisti ed artisti che qui ogni anno si ritrovano. La pubblicazione è un affresco donato al lettore che in queste pagine ritrova una storia, ma può arricchire le righe con l’immaginazione e le proprie aspirazioni.

Consigliato per lettori – e non – di ogni età.

Informazioni su Giulia Siena

Direttore. Per gli amici: il direttore di ChrL. Pugliese del nord, si trasferisce a Roma per seguire i libri e qui rimane occupandosi di organizzazione di eventi e giornalismo declinato in modo culturale e in salsa enogastronomica. Fugge, poi, nella Food Valley dove continua a rincorrere le sue passioni. Per ChrL legge tutto ma, come qualcuno disse: "alle volte soffre un po' di razzismo culturale" perché ama in modo spasmodico il Neorealismo italiano e i libri per ragazzi. Nel 2005 fonda la rubrica di Letteratura di Chronica.it , una "vetrina critica" per la piccola e media editoria. Dopo questa esperienza e il buon successo ottenuto, il 10 novembre 2010 nasce ChronicaLibri, un giornale vero e proprio tutto dedicato ai libri e alle letterature, con occhio particolare all'editoria indipendente. Uno spazio libero da vincoli modaioli, politici e pubblicitari. www.giuliasiena.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.