Piemme Junior: “La ragazza della foto” di Lia Levi

chronicaLibri_lia levi_piemmeROMA Piemme Junior porta in libreria un nuovo, nuovissimo libro di Lia Levi. “La ragazza della foto”, per lettori dai 10 ai 13 anni, è un viaggio nella memoria. Federica non crede ai suoi occhi: tra le foto di una mostra sulla Liberazione di Roma c’è anche quella di una ragazzina identica a lei! E’ sua nonna Teresa, che nel 1944 aveva la sua stessa età e che solo ora si decide a svelare i segreti del suo passato… Perché durante la Resistenza, nella città occupata, anche lei ha fatto la sua parte…
(scheda libro a cura della casa editrice)

“Le dodici tavole. Le prime leggi dell’antica Roma” per tutti

le dodici tavole nuove edizioni romane recensione ChronicaLibriGiulia Siena
ROMA
” Esplose poi la notizia che, nella nuova riunione del Senato, Appio Claudio contrariamente alle attese, e lontano dal ribadire le tesi dei conservatori, aveva riconosciuto l’opportunità, e addirittura la necessità, di una raccolta scritta delle leggi di Roma”. Siamo nel 450 a. C. circa e ci troviamo nell’antica Roma. E’ questo il periodo di svolta per l’impero: Tarquinio Prisco e Servio Tullio, entrambi re etruschi, portano Roma a una straordinaria crescita, tanto che la città diventa una vera e propria potenza, oltre che il nodo cruciale per il commercio con i Cartaginesi. A raccontarci in modo semplice e lineare l’antica Roma e la nascita delle prime leggi di diritto romano è Luigi Capogrossi Colognesi, nome illustre tra gli accademici. Il professore, cambiando la sua solita platea, parla ai bambini e ai ragazzi nel libro “Le dodici tavole. Le prime leggi dell’antica Roma”, bellissima novità delle Nuove Edizioni Romane. “Mi sono reso conto che mancava del tutto un elemento che valeva la pena approfondire. […] – ha dichiarato l’autore nell’introduzione del libro – Si trattava per me dunque di narrare, in particolare ai più giovani, come proprio quel diritto è stato poi, ed è tuttora, strumento indispensabile per governare le nostre società e orientarne lo sviluppo“.

In un momento di grande fermento, le Dodici tavole rappresentavano la svolta democratica per una società che vedeva contrapporsi patrizi e plebei. Il valoroso Appio Claudio, comandante delle legioni straniere, si accorse che l’impoverimento della plebe potesse causare diversi problemi anche ai ricchi di Roma, i patrizi. Toccò quindi al Senato – un organo fondato da Romolo per dar voce decisionale agli “anziani”-  far redigere delle leggi scritte che mettessero ordine nei rapporti tra cittadini per lo svolgimento della storia a venire, fino a noi.

Un volume essenziale questo di Luigi Capogrossi Colognesi che districa anche i nodi più difficili del passato, rendendo ancora più affascinante la storia del grande impero romano.

 

 

"Senza respiro". Valentina F. torna, ma con qualche "imprevisto"

Silvia Notarangelo
ROMA – È un’esperienza, purtroppo, comune. Un volo annullato all’ultimo momento ed ecco che tutti i piani sono stravolti, scatenando innumerevoli disagi e malumori. Le cose, però, non vanno esattamente così per Alicia, la protagonista del nuovo libro di Valentina F., “Senza respiro”, pubblicato da Fanucci. Per lei l’imprevisto si trasforma in qualcosa di più, in un’esperienza incredibile, capace di mettere in discussione le sue certezze.
Quando, da sola, si ritrova all’aeroporto di New York e sente annunciare “il volo 724, New York- Acapulco, è stato cancellato”, il panico è inevitabile. La settimana tanto attesa con Rudy, il ragazzo messicano di cui è innamorata, rischia di saltare.
Non conosce nessuno in città e, quindi, non le resta altro che chiamare Teresa, una simpatica ragazza italiana conosciuta in aereo, disponibile ad ospitarla in qualunque momento. Il trasferimento a casa della giovane connazionale è immediato e la permanenza negli Stati Uniti, oltre a rivelarsi più lunga del previsto, saprà riservare imprevedibili sorprese.
Dopo un primo momento di sconforto, i giorni nella Grande Mela prendono una piega inaspettata. Alicia conosce Steve, un artista sui generis, con una personale filosofia di vita ed una altrettanto particolare concezione delle sue opere. L’inizio tra i due non è certo dei migliori. Alicia è scettica, crede che sia un pazzo e Steve, da parte sua, fa ben poco per sfatare quest’opinione. Ogni incontro sembra stregato, c’è sempre qualcosa che non va. Incomprensioni e litigi non riescono, però, a nascondere un reciproco interesse che sembra crescere di giorno in giorno.
La svolta arriva quando Alicia, seppur titubante, accetta di posare per Steve. Finalmente conosce da vicino la sua realtà, vede i suoi quadri e, senza accorgersene, si ritrova catapultata in un’avventura che le farà aprire gli occhi su Steve e sul senso dei suoi giorni trascorsi a New York.
Dall’autrice di “TVUKDB”, un nuovo romanzo da leggere tutto di un fiato, nella convinzione che sì, a volte, l’immaginazione può davvero superare la realtà.

"Operazione cambio vita", da San Paolo un romanzo per adolescenti insofferenti

Giulia Siena
ROMA –  Aphrodita è la protagonista di “Operazione cambio vita”, il libro di Kari Ehrhardt pubblicato dalle Edizioni San Paolo. Apfrodita vorrebbe essere normale, ma già nel suo cognome, Anders (che in tedesco vuol dire “diverso”) è racchiuso il gene della stranezza. Lo stesso gene che tutta la sua famiglia si vanta di avere! Aphrodita sogna una famiglia ordinaria, una casa senza un water dorato nella propria stanza e dei vestiti sportivi. Invece, è costretta a indossare dei pantaloni alla turca dai colori vivaci che attirano le battutine di tutta la classe, a sopportare la confusione della propria casa e crescere con genitori senza alcuna regola. Ma Aphrodita non può continuare così, non può nascondere la propria natura di persona normale sotto capelli arruffati e ampie camicie. Decide, allora, di cominciare “l’operazione cambio vita” grazie all’aiuto della sua fidata amica Hannah.
La nuova vita prevede anche un nuovo nome: Aphrodita Anders diventerà Katja Neumann, ma non mancheranno imprevisti e colpi di scena poiché ogni vita, anche la più normale, presenta ostacoli e difficoltà.


Romanzo, dai 10 anni.

“Segreti & Sorelle”, da Fanucci l’ultimo libro di Alyson Noël per gli adolescenti di tutte le età

Giulia Siena
ROMA ”Segreti & Sorelle”, pubblicato nella collana Teen International della Fanucci Editore, è un libro che non ti aspetti. Dedicato alle adolescenti, il libro di Alyson Noël sorprende per il meccanismo perfetto con il quale è costruito. Echo e Zoe sono sorelle: non hanno nulla in comune, il loro legame cresce e si rafforza solamente quando la morte strappa Zoe agli abbracci di Echo.
Quest’ultima ha quindici anni e deve affrontare gli sguardi compassionevoli dei curiosi, le ansie dei genitori e i cambiamenti adolescenziali che avvengono dentro e fuori di lei. Echo ama studiare e trascorrere il tempo con le sue due amiche di sempre; è una ragazzina semplice, quella stessa semplicità che Zoe sembrava aver dimenticato nella corsa sfrenata verso il suo sogno di diventare una modella famosa. Zoe viveva spensierata: da poco era innamorata di Marc e nulla sembrava poter turbare la sua leggerezza; ma venne uccisa. Da allora Echo ha un’ombra nel cuore, sua sorella le manca e non può fare niente per capire cosa sia veramente successo a quella ragazza così solare, chi sia stato a togliere il sorriso alla sua famiglia e perché a lei sia stata negata la possibilità di crescere con una gioia fraterna.
 Il diario di Zoe rimane l’unica testimonianza di una vita finita troppo presto, di un omicidio che a distanza di un anno ha lasciato solamente tanto dolore e nessuna risposta. Marc vuole regalare a Echo la possibilità di venire a contatto con la bellezza di Zoe, allora le regala il diario che la ragazza teneva come un segreto. E’ da questo regalo che Echo imparerà a conoscere sua sorella con pazienza e coraggio: le sue gioie, il suo amore, le sue sfide, i suoi errori, le sofferenze e la trappola mortale che l’ha rubata alla vita.
Una storia dalla trama non facile, “Segreti & sorelle” si scopre scorrendo le pagine. Alyson Noël da’ una lezione di riservatezza a tutte le generazioni e questa riscoperta non può fare che bene