Anteprima: Leggi su ChronicaLibri i primi capitoli de “Il Rintocco”, il nuovo libro di Irene Vella

Irene VellaROMAIrene Vella, scrittrice e giornalista vulcanica, sorprendente e coraggiosa dopo il grande successo di Credevo fosse un’amica e invece era una stronza torna con un nuovissimo libro, Il Rintocco. Tolling death.

Emma è un’adolescente di sedici anni che vive con il padre, maestro internazionale di tennis, attraversando l’Europa in lungo e in largo, porta sempre con sé uno dei suoi manga , sogna di diventare una disegnatrice di fumetti e di trasferirsi in Giappone. Ma, un giorno, tutto si ferma; arriva una lettera da Venezia di un’agenzia immobiliare che comunica di aver finalmente trovato il compratore per la villa dove lei ha passato l’infanzia prima della tragedia.
Aveva solo sei anni quando sua madre scomparve, nel nulla. La cercarono per ore, giorni, mesi, poi alla fine il padre non reggendo lo strazio, decise di scappare da quella casa che sembrava aver inghiottito la moglie e con lei tutta la sua felicità.
La lettera arriva come un uragano nella vita di Emma costringendola a fare i conti con il passato, con un dolore mai sopito, con domande che mai hanno avuto risposta.
Sarà proprio quando tornerà in quella villa che i pezzi del puzzle cominceranno ad incastrarsi.

 

In esclusiva per i lettori di ChronicaLibri i primi tre capitoli di questo attesissimo libro che riesce a coniugare la freschezza del genere young adult con il coinvolgimento emotivo di un grande romanzo e il fascino dei luoghi descritti (una villa veneta del 1637 – nella foto – è la stessa nella quale vive l’autrice), il tutto condito dall’astuta penna di Irene Vella.
Primo Capitolo

Emma

Lunghi capelli castani ad incorniciare un viso dai tratti latini, carnagione olivastra, occhi verdi, un filo di eye liner e un po’ di mascara, unico vezzo da “femmina”, due piccole trecce che le incorniciavamo i lineamenti, infagottata nei suoi jeans e nei suoi maglioni extralarge, Emma da lontano poteva sembrare una teenager come tante.
Ma bastava guardarla un po’ più a lungo per capire che ogni suo gesto, ogni suo sguardo, tradiva una profondità che non rispecchiava i suoi anni.
Era il dolore che parlava per lei, la sofferenza di una bambina cresciuta senza madre, ma di cui sembrava la copia esatta.
Dieci anni, erano passati dieci anni da quel terribile 21 giugno 2003, giorno in cui sua madre scomparve nel nulla, inghiottita dalla stessa casa dove abitavano, in paese dicevano fosse scappata volontariamente, ma solo Emma e suo padre sapevano che mai Lucrezia si sarebbe allontanata sua sponte.
Le era successo qualcosa, e quell’incertezza, quel non sapere, avevano fatto fuggire Andrea da quel posto che le aveva rubato la sua donna, il suo amore, la madre di sua figlia, condannato a vivere nel dubbio, aveva accettato il primo posto all’estero, che il suo procuratore e amico di vecchia data, Vincenzo gli aveva proposto.
Due anni in Francia come maestro internazionale di tennis, con possibilità di rinnovo, avrebbe affidato la prestigiosa scuola che dirigeva al suo socio e amico fraterno Francesco, così nulla in quel luogo lo avrebbe potuto trattenere.
In fondo era quello che voleva: scappare lontano dai ricordi e “sopravvivere” anche se ogni anno che passava, Emma si trasformava in una piccola Lucrezia, ed entrambi sapevano che nessun’altra avrebbe preso il posto nel suo cuore.
Poi era venuta l’Inghilterra, la Spagna, e dopo dieci anni l’occasione di rientrare in Italia, come allenatore personale di Igor Draga, promessa del tennis, e non sapeva come dirlo ad Emma, aveva paura di un suo rifiuto.
Era appena rientrata da scuola, sedici anni portati con garbo, nonostante la bellezza “sfacciata” ben distante dalle sue coetanee, sembrava appartenere ad un’altra epoca, suonava il flauto traverso come se non avesse mai fatto nient’altro nella vita, ma tirava di boxe come una professionista, in lei coesistevano due anime, e nessuna delle due poteva fare a meno dell’altra.
A. “Emma devo dirti una cosa, vieni qua.”
E. “ Aspetta un attimo, sono al telefono con Pilar” e via di spagnolo.
Gli spostamenti frequenti avevano portato anche dei benefici, la ragazzina parlava correntemente oltre l’italiano, l’inglese, il francese e lo spagnolo, il padre se l’era cavata con le frasi base e tecniche che servivano per insegnare tennis, ma di sicuro non aveva la padronanza linguistica della figlia.
E. “ Eccomi che succede?”
A. “ Mi ha telefonato Vincenzo, c’è un incarico di prestigio, mi ha proposto di allenare Igor Draga, di tornare in Italia.”
E. “ No dico stai scherzando vero babbo? Quel bamboccio “sonofigosonobello” che pensa di essere chissà chi, antipatico come la morte? ”
A. “ Frena la lingua bambolina, punto primo Igor ha la tua età, quindi ti sei data della bamboccia, punto secondo quando si tratta di lavoro non hai le competenze per giudicare, punto terzo lo conosci solo attraverso le parole dei giornali, e dei sentito dire. Sai anche tu come spesso nel mondo dello sport, e non solo, si cerchi di costruire un personaggio intorno ad una persona, in ogni caso questa volta potrai scoprirlo da sola, lunedì abbiamo l’aereo prenotato.”
E. “ Ecco come al solito il mio parere non conta nulla..”
A. “ Certo che conta, però quando si tratta di lavoro sai che non abbiamo scelta, e tu sei ancora troppo piccola per prendere decisioni che ti riguardino in autonomia. Quando sarai maggiorenne, potrai decidere cosa fare, per adesso ti tocca seguire il tuo vecchio babbo.”
E. “ Ecco tanto per cambiare, mi ero appena ambientata, mi ero fatta degli amici nuovi, ma tu hai idea di cosa significhi stravolgere la mia vita ogni due/tre anni (se va bene)?
A. “dai vedila in modo positivo: quando sarai più grande potrai viaggiare a scrocco facendoti ospitare da tutti gli amici sparsi per il mondo, come diresti tu: non è una figata?
E. “Non mi fai ridere per niente, e smettila di utilizzare un linguaggio che non ti appartiene, sei ridicolo.”
A. “Emma adesso sono serio, prepara la valigia che tra due giorni partiamo, quando saremo sul posto sceglieremo anche la scuola dove iscriverti.”
E. “ Ti devo anche ringraziare visto che parli al plurale quando dici di scegliere la scuola? Come sei umano. Bel modo di iniziare le vacanze estive. ”.
E concluse il discorso sbattendosi la porta della camera alle spalle, come faceva sempre quando sapeva che tanto non sarebbe servito a nulla parlare, la decisione era stata presa, il dado tratto: sarebbe tornata in Italia.
Si buttò sul letto si mise le cuffie e accese il suo ipod a tutto volume, cercando di stordirsi per non pensare, ma come sempre appena chiudeva gli occhi vedeva il viso di sua mamma sorriderle e venirle incontro a braccia aperte, con la sua risata cristallina e quella massa di capelli color rame ad incorniciarle l’ovale perfetto.
Iniziò a piangere in silenzio, quelle immagini sembravano così vere che a volte aveva persino sperato di addormentarsi per sempre solo per poterla riabbracciare, per sentire di nuovo il suo profumo, per ascoltare ancora una volta la sua voce.
La ferita rimaneva sempre aperta nonostante il passare degli anni, ma la cosa che le provocava più dolore era non poterne parlare proprio con suo padre, l’unico che avrebbe dovuto (e potuto) capirla.
Andrea pensava che non parlarne aiutasse Emma a dimenticare, non sapendo che sua figlia custodiva gelosamente i ricordi di sua madre, e che desiderava solo poterli condividere con lui.

Villa Maria_VellaMa la parte più difficile doveva ancora arrivare, insieme al nuovo incarico, era
arrivata una mail dell’agenzia immobiliare che comunicava di avere trovato degli acquirenti per Villa Maria.
La verità era che il lavoro era stata una diretta conseguenza della mail, e della successiva telefonata con Nicoletta, la mediatrice immobiliare, che aveva chiaramente fatto capire ad Andrea che la villa necessitava di ristrutturazioni, ergo la sua presenza diventava indispensabile ai fini della vendita.
Prima di decidere sul da farsi, si era dovuto consultare con Vincenzo, vagliare proposte lavorative in Italia, e quando nell’arco di ventiquattro ore era arrivata la possibilità di allenare Igor (Draga) lo aveva preso come un segnale del destino.
Andrea in fondo era sempre stato molto fatalista, non credeva nelle coincidenze, credeva nel destino, ed era profondamente convinto che le cose accadessero per un motivo ben preciso, e che quest’ultimo presto o tardi si sarebbe palesato.
Il ragazzo prodigio abitava a Mirano, a due passi da Dolo, proprio sulla Riviera del Brenta, dove si trovava villa Maria, troppe cose si stavano incastrando alla perfezione, sembrava che ci fosse un burattinaio che stesse organizzando il loro rientro.
Qualche anno prima si sarebbe opposto con tutte le sue forze, ma adesso forse era arrivato il momento di smettere di combattere ed assecondare questo strano fato che a distanza di un decennio lo riportava dove tutto era cominciato.
Tornava da Lucrezia.

 

 

I prossimi due capitoli saranno pubblicati nei prossimi due lunedì. Il resto de Il Rintocco sarà presto in tutte le librerie.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2 commenti

  1. Pingback:Anteprima: Leggi su ChronicaLibri il secondo capitolo de "Il Rintocco", il nuovo libro di Irene Vella - ChronicaLibri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.