Le fiabe, tra cliché e tradizione.

Giulio Gasperini
AOSTA – Come può essere una fiaba senza stereotipi? Senza la principessa che ha sempre bisogno di essere salvata? Senza un drago, per forza cattivo, che deve essere ucciso? Senza un cavaliere o un cowboy che siano protagonisti? Senza una strega inevitabilmente brutta e malefica? Davide Calì e Anna Aparicio Català ci raccontano una favola così, Una storia senza cliché, edita da Edizioni Clichy e magnificamente illustrata.

La narrazione prosegue in un crescendo di obiezioni e di domande, di analisi e di ripensamenti, di dettagli e di immagini coloratissime e potenti che sprofondano i nostri occhi e la nostra mente nel mondo del fantastico. L’effetto è quello di un continuo straniamento, un’alienazione ininterrotta rispetto al nostro bagaglio di conoscenze sulle fiabe; che sono, indubbiamente, cosa seria, serissima, tanto da esser protagoniste di numerose analisi narrativo-antropologiche (immortale la “Morfologia della fiaba” di Vladimir Propp). Ma il dubbio che proviamo a ogni pagina del libro edito da Clichy è una rottura, una frattura con quello che davamo per scontato a priori, non discutibile e non negoziabile. Il crescendo di “Una storia senza cliché” culminerà con una sorpresa, anche questa estremamente impattante e che lascerà perplessi; ma questo è il bello delle storie: mettersi in discussione oltre la parola “fine”.

Non si tratta di rinnegare il patrimonio favolistico (anche se, spesso, conosciuto in forme edulcorate e rese più appetibili per la morale) ma la messa in discussione riguarda la capacità del lettore di valutare, discutere, porre nel dubbio tutto ciò che si vorrebbe esclusivo, immutabile e inalterabile.

La lingua, come la cultura, cambia, si miscela ad altro, e il prodotto che ne deriva, per quanto destabilizzante, è la ricchezza che permette di continuare a sognare nuove storie e nuove fiabe.

Informazioni su Giulio Gasperini

Laureato in italianistica (e come potrebbe altrimenti), perdutamente amante dei libri, vive circondato da copertine e costole d’ogni forma, dimensione e colore (perché pensa, a ragione, che faccian anche arredamento!). Compratore compulsivo, raffinato segugio di remainders e bancarelle da ipersconti (per perenne carenza di fondi e per passione vintage), adora perdersi soprattutto nei romanzi e nei libri di viaggio: gli orizzonti e i limes gli son sempre andati stretti. Sorvola sui dati anagrafici, ma ci tiene a sottolinare come provenga dall’angolo di mondo più delizioso e straordiario: la Toscana, ovviamente. Per adesso vive tra i 2722 dello Zerbion, i 3486 del Ruitor e i vigneti più alti d’Europa.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.