Caracalla, l’imperatore che voleva essere Alessandro Magno

CoverFRONTECaracallaMarianna Abbate

ROMA – È faticosa la lettura di questo libro che gli editori chiamano romanzo poetico-storico. È faticosa in primis perché Andrea Foschini è un uomo molto erudito, che ama mostrare la sua erudizione, e poi perché i collegamenti mentali e storici non sono proprio chiarissimi a chi non conosce bene la storia. Ciò nondimeno (colloquialismo che mi perdonerete) non è un brutto libro, Caracalla, o il mito di Alessandro edito da Diamond. Se vogliamo ragionare nella misura banale di bello/brutto. È un libro complesso, che comprensibilmente si esaurisce in circa 100 pagine.

Ma come vi ho già avvisati, non lo si può approcciare impreparati. Perché Foschini adora i voli pindarici, le dietrologie, i segreti, i dico non dico, il forse era così ma forse no, e non è per niente facile disingarbugliare questa matassa. Quindi lettore avvisato…

Io però non lo chiamerei romanzo (anche se la tutela da eventuali accuse scientifiche ha la sua ragion d’essere) gli darei più del saggio storico-poetico. E amplierei certe pagine, così fitte di nomi e di fatti, che meriterebbero un approfondimento ulteriore, immagino sottinteso a carico del lettore.

Molto affascinante l’idea che associa l’imperatore romano al sovrano macedone, uno dei pochi cui la storia si riferisce con l’appellativo di Magno. Intrigante l’ossessione di Caracalla di emulare le sue gesta, ma si sa: chi segue gli altri non arriva mai primo.

Si tratta di un libello gradevole, ma nonostante il suo formto tascabile non lo consiglierei per una lettura veloce in metro, forse più per un lungo viaggio in treno. Con una buona connessione wireless per gli approfondimenti di cui sopra.

Informazioni su Marianna Abbate

Innamorata dei libri da sempre, ne ha fatto oggetto di studio. Ama il Medioevo e Federico II di Svevia e per fame di shopping ha svolto mille lavori orrendi. Ha scritto e condotto con Giuseppe di Chiera il programma radiofonico "Pandora e Senofonte" sull'emittente romana RM12. Il suo punto debole sono il gossip storico e le storie d'amore. Conosce un mucchio di poesie tristi a memoria con le quali adora ammorbare gli amici.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.