"Morte nei boschi". Viaggio nell’animo umano in bilico tra bene e male

Agnese Cerroni

ROMA Da bambino, Nonno Goriot aveva sentito raccontare la misteriosa storia della bestia del Gevaudan che per molti anni aveva terrorizzato la popolazione sbranando donne e bambini”.
La storia proposta da Giorgio Celli e Costanza Savini nel romanzo “Morte nei boschi” pubblicato da Ugo Mursia Editore ci conduce in Francia, durante gli anni del regno di Luigi XV, nella tranquilla regione del Gevaudan, dove gli abitanti vivono di agricoltura e pastorizia e il tempo è scandito dal ciclo delle messi. Improvvisamente la quiete di quei luoghi viene turbata dal ritrovamento di corpi nelle radure della valle, dilaniati con lo stesso macabro modus operandi. Vox populi attribuisce i delitti ad una creatura mostruosa che pare si aggiri per boschi e prati, aggredendo le pastorelle e i bambini che portano le vacche all’alpeggio. La gente dei villaggi vive nel terrore di un gigantesco animale dalle fattezze di lupo assetato di sangue. O forse si tratta di un demone uscito dall’inferno o addirittura un flagello divino che già i parroci delle parrocchie di montagna da tempo avevano minacciato? Chi è dunque la Bestia del Gevaudan? Nessuno è in grado di rispondere alla domanda. Per circa quattro anni la bestia semina morte per tutta la regione, incutendo terrore tra la povera gente, in balia delle suggestioni della superstizione e del peccato. Poi, tutto d’un tratto, si dissolve nel nulla, lasciando dietro di sé un senso di vuoto e di inquietudine.
Sotto una pioggia fredda e torrenziale, un viandante dai capelli biondo-cenere e “lo sguardo benevolo e malevolo insieme” trova rifugio in una stamberga lungo il ciglio di una strada. I vestiti sono logori e malconci, ma ad uno sguardo attento non sfuggono le sembianze di ciò che resta di un abito talare. Ad accoglierlo in quell umile ricovero una ostessa compiacente, dalle mani tozze e gravate da anelli d’oro matto. L’ululato lugubre di un lupo scatena i ricordi di Stefan, questo è il nome dell’uomo, che comincia a raccontare una misteriosa storia, in cui realtà e delirio camminano parallelamente su un binario narrativo che conduce il lettore all’interrogativo finale: può il Male essere strumento del Bene? Può Dio redimere le anime per mezzo di mani macchiate di sangue?
Il delitto può diventare un vizio. Ho camminato tanto tempo nei boschi! Così tanto che a un certo punto mi sono smarrito (…) Mi chiamo Stefan. Avevo un amico. Si chiamava Elisè”. “Anche lui si è perduto nei boschi? Domandò la donna. “ Si ma poi l’ho ritrovato”.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.