"Senza tacchi", ma neanche in punta di piedi

Marianna Abbate
ROMA – Fare la modella è il sogno di migliaia di ragazzine. Sfilare con quegli abiti meravigliosi e fluttuanti, occupare tutti i manifesti della città, sorridere ai fotografi e firmare autografi. Inutile ripetere che questa è solo una faccia della medaglia e che dall’altra parte ci sono umiliazioni, sofferenze diete interminabili e malsana competizione. Ce lo racconta da vicino Francesca Lancini, supermodella, nel suo esordio letterario “Senza tacchi” edito da Bompiani.

Sono stata attirata alla lettura di questo libro dal nostro direttore, che conosce bene la mia debolezza per i romanzi rosa, consumati in quantità industriale a qualunque ora del giorno e della notte. Ebbene , cara direttrice, questo non è un romanzo rosa, come potrebbero indurci erroneamente queste lunghe gambe nude in copertina. Questo romanzo è più simile a un horror psicologico, a una storia di guerra oppure, se proprio vogliamo a una commedia nera all’inglese. Perchè il mondo che vediamo, e che impariamo a conoscere dalle pagine del libro, fa paura. Inquieta e terrorizza, delude e rattrista. Un libro consigliabile a tutte le mamme che spingono le loro figlie a cominciare queste improbabili carriere, sostenendole con impegno in diete massacranti, pagando interventi estetici inutili se non dannosi. Perchè sono proprio così i genitori del libro: assenti e assenteisti, confidano nel denaro più che nell’Amore e nel successo più che nella Felicità.
La consolazione sta nel fatto che la protagonista, una ragazza abbastanza sveglia, riesce a liberarsi da questo vortice di autodistruzione, grazie ad una visione lucida di quanto la circonda. Non saprei definire quanto di autobiografico l’autrice abbia voluto condividere con i lettori; ma se pensiamo che da una carriera di successo, che l’ha portata come valletta a Sanremo nel 2006, si è dedicata alla scrittura possiamo immaginare che la realtà si distingua ben poco dalla fantasia. Le faccio i miei migliori auguri per questo cambiamento.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

4 commenti

  1. come dice il proverbio direttrice chronica direttrice daltonica…

    o vede tutto rosa perchè è tanto innamorata?!

  2. Giulio Gasperini

    Probabile la seconda ipotesi. O probabile che, a Marianna, garbino davvero troppo, i romanzi rosa…
    G.o

  3. Certo che siete 'nfami!

  4. Marianna Abbate

    innanzi tutto chi è Cupido?? palesati!! inoltre la direttrice si è attenuta al genere che intendeva praticare l'autrice, a mio avviso con scarso successo (non perchè sia un brutto libro ma perchè, come dicevo, è un altro genere): gli ingredienti fondamentali di un romanzo rosa sono un finale smielatamente felice e la certezza fin dalla prima pagina che questo finale arrivi. cmq vi adoooro ( anche a te cupido, chiunque tu sia…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.