8tto Edizioni: Fino ad agosto

Josephine Rowe e il racconto delle cose immobili

Giulia Siena
PARMA
– Dieci racconti in bilico tra senso di smarrimento e voglia di fuga. Una sensazione “strana” quella che regala la scrittura di Josephine Rowe, autrice australiana classe 1984, nel libro Fino ad agosto (con la traduzione di Cristina Cicognini). Il volume, pubblicato da alcuni giorno da 8tto Edizioni – con una bellissima veste grafica,- raccoglie le vite, le solitudini e le scelte di personaggi che si muovono con facilità tra i diversi continenti spinti dall’esigenza di correre per poi fermarsi, cambiare aria e modificare il finale.

Dall’Australia agli Stati Uniti, passando per la Scozia e il Canada, ci sono fratelli che si ritrovano per “risolversi” dopo anni di silenzi e di dubbi; ci sono vicine improvvisate e premurose dogsitter, giovani orfani, figlie incomplete, due donne alla ricerca di un figlio, una cittadina sulle rive di un fiume, un laghetto ghiacciato fermo attorno ad anni che passano. Avvengono chiarimenti, abbandoni, ricerche, silenzi, tragedie; e tutto succede senza chiedere il permesso a nessuno.
“La tragedia non sceglie le persone. Cerco di consolarmi con questo pensiero. Qualcuno deve essere sul ponte quando crolla, sull’aereo quando viene giù. Alla tragedia non interessa di venirci a cercare; semplicemente è, e noi siamo, e ci incontriamo lungo un asse terribile che siamo troppo piccoli e troppo stupidi per capire”.

Josephine Rowe ha il merito di costruire un ambiente ovattato e intimo; qui le dieci storie si incastonano comode in un flusso piacevole che si dispiega in una sorta di continua rivelazione mano mano che si procede con la lettura, riga dopo riga. Storie alle quali non siamo abituati, ma che sorprendono per la loro delicatezza: i protagonisti – eroi errabondi e spesso fallimentari – cercano un equilibrio difficilissimo e salvifico. Lo stesso equilibrio di cui siamo assetati nella vita di ogni giorno.

Mentre accendi i fanali, la domanda arriva senza che tu nemmeno la ponga, più un profumo o una frequenza che un linguaggio: Quando è stata l’ultima volta che hai desiderato qualcosa di diverso? E la risposta sarà tutt’altro che a portata di mano.

Informazioni su Giulia Siena

Direttore. Per gli amici: il direttore di ChrL. Pugliese del nord, si trasferisce a Roma per seguire i libri e qui rimane occupandosi di organizzazione di eventi e giornalismo declinato in modo culturale e in salsa enogastronomica. Fugge, poi, nella Food Valley dove continua a rincorrere le sue passioni. Per ChrL legge tutto ma, come qualcuno disse: "alle volte soffre un po' di razzismo culturale" perché ama in modo spasmodico il Neorealismo italiano e i libri per ragazzi. Nel 2005 fonda la rubrica di Letteratura di Chronica.it , una "vetrina critica" per la piccola e media editoria. Dopo questa esperienza e il buon successo ottenuto, il 10 novembre 2010 nasce ChronicaLibri, un giornale vero e proprio tutto dedicato ai libri e alle letterature, con occhio particolare all'editoria indipendente. Uno spazio libero da vincoli modaioli, politici e pubblicitari. www.giuliasiena.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.