Biancoenero edizioni, nuove avventure

B.B. Il clown-boy ad alta leggibilità

Giulia Siena
PARMA
B.B. Il clown-boy è il nuovo titolo della collana Minizoom della biancoenero edizioni. Scritto da Stefania Luisi e illustrato da Umberto Mischi, anche questo libro – come tutti i titoli degli autori italiani pubblicati dalla casa editrice romana – è stato letto e approvato da una redazione di ragazzi, a garanzia dell’Alta Leggibilità.
Tra le pagine di questo volume troviamo la vicenda di un clown che, agghindato di tutto punto con cappello, stivali e pistola, attraversa il mondo in compagnia del suo fidato cavallo a dondolo e di Banana, un cane giallo, basso e lungo.

Non proprio un tipico cowboy, ma un Clownboy perché, nel mezzo della sua faccia, troneggia un naso rosso e grosso da clown. Ogni settimana B.B. si sposta di villaggio in villaggio per mettere in scena, al martedì, il suo spettacolo itinerante. Un giorno, pur essendo atteso da tutti i bambini del villaggio, Clownboy non arriva, nessuno può assistere alla performance e godersi i fuochi d’artificio finali. Di Clownboy nessuna traccia, neanche quando sono tutti i bambini del paese a cercarlo in lungo e in largo. Il nostro piccolo eroe non è forte né veloce, per questo potrebbe cadere nelle grinfie di Gimmi il Grosso e i suoi fratelli.

Tra il circo e il vecchio West, questa storia ha il pregio di creare subito un legame forte tra il lettore e il pagliaccio cow-boy; la simpatia per il protagonista va di pari passo con la curiosità nei suoi confronti: poiché è sparito prima del spettacolo? Dove sarà finito? Chi lo avrà catturato? Le domande sono tante, ma la lettura è esplicativa e le illustrazioni completano l’immaginario.

Dai 6 anni.

Informazioni su Giulia Siena

Direttore. Per gli amici: il direttore di ChrL. Pugliese del nord, si trasferisce a Roma per seguire i libri e qui rimane occupandosi di organizzazione di eventi e giornalismo declinato in modo culturale e in salsa enogastronomica. Fugge, poi, nella Food Valley dove continua a rincorrere le sue passioni. Per ChrL legge tutto ma, come qualcuno disse: "alle volte soffre un po' di razzismo culturale" perché ama in modo spasmodico il Neorealismo italiano e i libri per ragazzi. Nel 2005 fonda la rubrica di Letteratura di Chronica.it , una "vetrina critica" per la piccola e media editoria. Dopo questa esperienza e il buon successo ottenuto, il 10 novembre 2010 nasce ChronicaLibri, un giornale vero e proprio tutto dedicato ai libri e alle letterature, con occhio particolare all'editoria indipendente. Uno spazio libero da vincoli modaioli, politici e pubblicitari. www.giuliasiena.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.