Sinnos: “La leggenda di Zumbi l’immortale “, la prima graphic novel firmata Fabio Stassi

zumbi l'immortale_recensione CHRONICALIBRIGiulia Siena
ROMA “Ma il mare è ancora un fiume e i continenti isole, e gli uccelli non hanno mai smesso di parlare. La verità è che la terra è divisa in padroni e schiavi e che si può essere schiavi anche senza saperlo. Zumbi, lui scelse la libertà dal primo giorno di vita”. Le storie degli emigranti e dei rifugiati si somigliano tutte, si somigliano tutte da secoli. Da quando i bianchi e i neri si fronteggiarono per un pezzo di terra o per la propria libertà; da quando qualcuno, con la forza, stabilì chi doveva essere il padrone e chi lo schiavo. Da allora, quasi senza sorprese, le storie di fuga e disperazione hanno la stessa matrice e lo stesso svolgimento. Paura, consapevolezza, orgoglio, scontri, fughe e diniego sono alla base di ogni piccola lotta per essere, per esistere. In qualche tempo, in qualche luogo.

La storia di Zumbi è una di queste: è una storia che viene dal passato per narrare una vicenda presente, quotidiana. La leggenda di Zumbi l’immortale è la nuova graphic novel pubblicata da Sinnos nella collana “leggimi! Graphic” a 25 anni dalla fondazione della casa editrice romana attenta alle tematiche sociali. A raccontare questa leggenda piena di poesia e incentrata sull’identità multiculturale brasiliana è Fabio Stassi, penna brillante e versatile della narrativa italiana. Dall’altra parte, a illustrare magistralmente le pagine di quest’albo, c’è Federico Appel, già autore di Pesi massimi e di altre storie che meritano di essere lette.
“Ci sono storie che sono case” –  comincia così questo libro sorprendente -. E allora noi entriamo, esploriamo e veniamo catturati da una musica leggera, da note di samba.
Incontriamo, poi, un bambino nato a Quilombo Dos Palmares, ultimo lembo di terra brasiliano rimasta libera nel XVII secolo dalla colonizzazione dei portoghesi. Zumbi – questo è il suo nome – racchiude in sé la forza, la saggezza e la determinazione; la sua vita sarà votata all’amore per il proprio popolo e per la libertà; la sua vita sarà magia e genio, sapere e alleanza; la sua vita sarà contro ogni sottomissione anche a costo della vita. Zumbi sarà protetto dalla giungla e dagli alberi, ma verrà comunque deportato in Portogallo. Tornerà, combatterà per anni, cederà all’amore e metterà costantemente in pericolo la propria vita. Tutto per non cedere al ricatto dei più forti. Tutto per non diventare schiavo dei potenti. Tutto.

Fabio Stassi con La leggenda di Zumbi l’immortale dà prova da grande maestria: crea una favola possente, una storia che è tante storie. Leggenda e fatti storici si incontrano, intrecciano e poi si slegano. Tutto, però, è poesia: negli intenti, nei dialoghi, nelle speranze e nelle immagini. Una storia di sottomissione e scontro che diventa favola d’amore e speranza.
La leggenda di Zumbi l’immortale, come tutti i libri della collana “leggimi! Graphic” utilizza uno speciale font adatto anche a chi ha problemi di dislessia o difficoltà di lettura.

 

Informazioni su Giulia Siena

Direttore. Per gli amici: il direttore di ChrL. Pugliese del nord, si trasferisce a Roma per seguire i libri e qui rimane occupandosi di organizzazione di eventi e giornalismo declinato in modo culturale e in salsa enogastronomica. Fugge, poi, nella Food Valley dove continua a rincorrere le sue passioni. Per ChrL legge tutto ma, come qualcuno disse: "alle volte soffre un po' di razzismo culturale" perché ama in modo spasmodico il Neorealismo italiano e i libri per ragazzi. Nel 2005 fonda la rubrica di Letteratura di Chronica.it , una "vetrina critica" per la piccola e media editoria. Dopo questa esperienza e il buon successo ottenuto, il 10 novembre 2010 nasce ChronicaLibri, un giornale vero e proprio tutto dedicato ai libri e alle letterature, con occhio particolare all'editoria indipendente. Uno spazio libero da vincoli modaioli, politici e pubblicitari. www.giuliasiena.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Un commento

  1. Pingback:Ricordo e racconto orale: intervista a Fabio Stassi - ChronicaLibri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.