“La mano destra del diavolo”, smooth criminal

Marianna Abbate
ROMA – Un sicario si prepara alla prossima missione. Ascolta i fatti, segue i suggerimenti e prepara le armi. Ogni tanto legge poesie e racconti radical chic e sorseggia un bicchiere di latte per placare la gastrite.

Nelle prime due pagine ho faticato a districare le fila dei nomi stranieri che sfilavano davanti ai miei occhi, ma già a pagina cinque avevo capito molte cose…

Presa da un fremito ansioso, ho frugato il libro alla ricerca della data della prima pubblicazione, che non ho trovato (è questa l’unica nota dolente della pubblicazione Voland, che per gli altri versi è veramente pregevole, anche da un punto di vista grafico). Da vero lettore degli anni ’10, mi sono armata di Google e ho scoperto che si trattava di un libro del 1967. Tutto ciò per dirvi che la mia brillante associazione intuitiva agli spaghetti western era esatta.

Sulla quarta di copertina ho trovato un mistero legato all’autore Dennis McShade, alias Dinis Machado, ma questa volta Google non mi è stato di grande aiuto, nonostante mi sia presa la briga di leggere la voce di Wikipedia in portoghese.

Così non siamo rimati che io e lui. Io e il libro si intende, a fronteggiarci e a cercare di capire il più possibile dell’altro. Questo subdolo individuo ha cercato di sedurmi addirittura citando Dvorak, un colpo basso e veramente immeritevole.

Ma devo riconoscere che ne sono uscita ammaliata. Sentivo quasi il caldo afoso, l’aria della vendetta, il sale della sconfitta e la puzza della paura. Sarà che è giugno, si muore di caldo e forse sarebbe ora di farmi una doccia- ma credo che sia tutto merito dell’autore.

Anche senza Google avrei potuto datare questo libro con certezza, una volta le parole sapevano emozionare da sole. Non c’era bisogno dei miseri escamotàge da scrittura creativa, né di vocaboli  eccessivamente volgari.

Da leggere, magari quest’estate- e da passare a tuo marito.

 

Informazioni su Marianna Abbate

Innamorata dei libri da sempre, ne ha fatto oggetto di studio. Ama il Medioevo e Federico II di Svevia e per fame di shopping ha svolto mille lavori orrendi. Ha scritto e condotto con Giuseppe di Chiera il programma radiofonico "Pandora e Senofonte" sull'emittente romana RM12. Il suo punto debole sono il gossip storico e le storie d'amore. Conosce un mucchio di poesie tristi a memoria con le quali adora ammorbare gli amici.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.