LeggendoCrescendo, un inno alla natura tra aspirazioni e paure

Glifo Edizioni: Vera la mongolfiera

“Fatto sta che, una volta preso il volo, è difficile tornare indietro perché viaggiare ti porta a voler scoprire sempre sempre più, a fare nuove amicizie e anche ad affidarti alle persone che incontri; e in questo modo, senza accorgersene, si superano ostacoli e paure, e soprattutto si fanno esperienze“. (Tessa Gelisio) Può una mongolfiera soffrire di vertigini? Sembra impossibile, eppure è quello che succede a Vera, la piccola mongolfiera costruita da nonno Tranquillo e donata al piccolo Thomas. Passano gli anni, otto per l’esattezza, e Thomas e Vera continuano a essere migliori amici; nonostante le paure, la piccola mongolfiera ama viaggiare attraverso le lezioni di geografia ripassate da Thomas: lunghissimi percorsi lontano dai palazzi e dal traffico, in una grande foresta dal nome evocativo, la foresta pluviale.

Volare rimane un miraggio, ma i due amici non si perdono d’animo e un giorno qualcosa cambia: arriva Levante, il vento tepido che sovverte i piani di tutti. Il viaggio comincia ed è sorprendete.

Vera la mongolfiera. Alla scoperta della foresta amazzonica, il libro di Emanuela Busà con le bellissime illustrazioni di Daniela Volpari (Glifo Edizioni), è una dedica alla natura in un racconto d’amicizia, di forza e di determinazione. Il volume – arricchito dalla prefazione di Tessa Gelisio – percorre con la fantasia il fascino vitale e colorato della foresta pluviale intrecciando il racconto alla crescita di determinazione e consapevolezza della piccola mongolfiera. Il suo viaggio, infatti oltre che intorno al mondo, sarà dentro i propri limiti e attorno alle proprie paure per affrontarle al meglio e superarle.

Vera la mongolfiera è un inno di speranza affinché la bellezza del pianeta possa essere rilevante agli occhi dei bambini e possa dargli la forza, alle volte, di affrontare le proprie paure.

Informazioni su Giulia Siena

Direttore. Per gli amici: il direttore di ChrL. Pugliese del nord, si trasferisce a Roma per seguire i libri e qui rimane occupandosi di organizzazione di eventi e giornalismo declinato in modo culturale e in salsa enogastronomica. Fugge, poi, nella Food Valley dove continua a rincorrere le sue passioni. Per ChrL legge tutto ma, come qualcuno disse: "alle volte soffre un po' di razzismo culturale" perché ama in modo spasmodico il Neorealismo italiano e i libri per ragazzi. Nel 2005 fonda la rubrica di Letteratura di Chronica.it , una "vetrina critica" per la piccola e media editoria. Dopo questa esperienza e il buon successo ottenuto, il 10 novembre 2010 nasce ChronicaLibri, un giornale vero e proprio tutto dedicato ai libri e alle letterature, con occhio particolare all'editoria indipendente. Uno spazio libero da vincoli modaioli, politici e pubblicitari. www.giuliasiena.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.