Usborne: “Racconti illustrati dai balletti”, il fascino della danza e la bellezza delle storie

Giulia Siena
PARMA
“La danza è un delicato equilibrio tra la perfezione e la bellezza”. La sinuosità del movimento, l’eleganza del gesto, l’armonia del suono: sono questi gli elementi che rendono la danza un’arte affascinante e sempre praticata. Sono tanti i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze che ogni giorno con passione e dedizione si dedicano a quest’arte che ha coinvolto nei millenni milioni di persone. Usborne Edzioni porta in libreria Racconti illustrati dai Balletti, un libro adattato da Susanna Davidson, Katie Daynes, Megan Cullis e Sarah Courtauld con le illustrazioni di Yvonne Gilbert Nanos.

Il volume raccoglie dodici storie che hanno ispirato altrettanti balletti divenuti celebri e indimenticabili: da Don Chisciotte a Romeo e Giulietta, da La bella addormentata nel bosco a La fille mal gardée, da Il lago dei cigni a Lo schiaccianoci; passando per L’uccello di fuoco, Coppelia, Cenerentola, Giselle, Ondine e La Silfide.
Giselle, il romantico balletto che racconta la tormentata storia di amore e tradimento tra Albert e Giselle, rappresentato per la prima volta a Parigi nel 1841. Ondine è il balletto che rimanda alla storia di una ninfa marina che si innamora di Palemone, un nobiluomo già promesso sposo di Berta, che non vuole accontentarsi di una vita già pianificata. Ondine, accompagnata dalla musica che rimanda al moto del mare, si muove sinuosa nella scena fino catturare il cuore di Palemone. La mitologia, invece, ispira la storia de La silfide, lo spirito del vento e del bosco che arresta il matrimonio tra James e Effie catturando l’attenzione e l’amore del futuro sposo, ma la silfide volteggia veloce creando illusione. Tante storie che si intrecciano, il cui minimo comun denominatore rimane la danza e il sentimento che esprime e racconta.

Informazioni su Giulia Siena

Direttore. Per gli amici: il direttore di ChrL. Pugliese del nord, si trasferisce a Roma per seguire i libri e qui rimane occupandosi di organizzazione di eventi e giornalismo declinato in modo culturale e in salsa enogastronomica. Fugge, poi, nella Food Valley dove continua a rincorrere le sue passioni. Per ChrL legge tutto ma, come qualcuno disse: "alle volte soffre un po' di razzismo culturale" perché ama in modo spasmodico il Neorealismo italiano e i libri per ragazzi. Nel 2005 fonda la rubrica di Letteratura di Chronica.it , una "vetrina critica" per la piccola e media editoria. Dopo questa esperienza e il buon successo ottenuto, il 10 novembre 2010 nasce ChronicaLibri, un giornale vero e proprio tutto dedicato ai libri e alle letterature, con occhio particolare all'editoria indipendente. Uno spazio libero da vincoli modaioli, politici e pubblicitari. www.giuliasiena.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.