Vague edizioni: Cali, viaggio nell’assenza

“Solo i bambini sanno amare” e questo basta

Cosa comprende un bambino della morte? Cosa sente oltre l’assenza, il distacco, la frustrazione, la confusione e il dolore? Ogni bambino, in età differenti, comprende la morte in maniera diversa; quello che fa Bruno, a sei anni, quando perde la madre, è diventare un osservatore. Bruno è troppo piccolo per partecipare al corteo, può solo guardare dalla finestra, osservare la figura allontanarsi, mentre tutti gli altri cercano di cancellare le tracce del passaggio materno sulla terra.

Per Cali (Bruno Caliciuri), cantautore francese e autore del romanzo autobiografico Solo i bambini sanno amare, la morte è una presenza improvvisa, una figura latente. Eppure la morte, così presente, così ostinata, così scaltra, non potrà soppiantare la memoria. Il ricordo della madre, quell’amore così puro e forte, andrà oltre la mancanza di carezze, di conforto, di attenzioni. Non sarà una peritonite, non sarà una caramella in gola, non saranno i giorni cupi al campo estivo o la morte di un giovane vicino di casa a far cedere Bruno alla disperazione. Il dolore del bambino si ispessisce nel guardare la sofferenza di suo padre, quel gigante buono e forte che la vita sta mettendo a dura prova. Il dolore si fa pulsante all’indifferenza di Carol, la bambina che non ricambia il suo amore, o alle scaramucce con il suo migliore amico, Alec. Alec è un antidoto alla morte, ancora e porto a cui attraccare quando il vento del dolore si alza forte. Alec è un caldo abbraccio, è un bacio al sapore di sangue, è quasi ossessione.

“Vorrei tanto che la vita ci perdesse per sempre. Smarriti in un luogo che nessuno conosce. Un luogo in cui morire felici, la pancia straziata dall’amore”.

Tradotto da Gabriella Montanari e Sylviane Tulimiero, Solo i bambini sanno amare è pubblicato da Vague Edizioni. Il romanzo narra con parole semplici e poetiche una storia di amore e sofferenza; un distillato di emozioni contrastanti. Nonostante il tempo, tra le righe la nostalgia è ancora struggente e vivissima.

Informazioni su Giulia Siena

Direttore. Per gli amici: il direttore di ChrL. Pugliese del nord, si trasferisce a Roma per seguire i libri e qui rimane occupandosi di organizzazione di eventi e giornalismo declinato in modo culturale e in salsa enogastronomica. Fugge, poi, nella Food Valley dove continua a rincorrere le sue passioni. Per ChrL legge tutto ma, come qualcuno disse: "alle volte soffre un po' di razzismo culturale" perché ama in modo spasmodico il Neorealismo italiano e i libri per ragazzi. Nel 2005 fonda la rubrica di Letteratura di Chronica.it , una "vetrina critica" per la piccola e media editoria. Dopo questa esperienza e il buon successo ottenuto, il 10 novembre 2010 nasce ChronicaLibri, un giornale vero e proprio tutto dedicato ai libri e alle letterature, con occhio particolare all'editoria indipendente. Uno spazio libero da vincoli modaioli, politici e pubblicitari. www.giuliasiena.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.