Biancoenero: “Processo al Lupo”, il nuovo albo illustrato di Stéphan Henrich

Giulia Siena
PARMA
“Silenzio o faccio sgombrare l’aula”, tuona il Giudice. “Lei si chiama Bernardo Lupo ed è nato lo scorso inverno nel bosco Oscuro”.
“Sì, signor Giudice”.
“Lei è accusato di aver ucciso un agnello!”.

Nell’aula di tribunale si avverte una certa tensione; il pubblico rumoreggia, commenta sorpreso con versi e schiamazzi proprio perché molto preso dalla vicenda. L’imputato è Bernardo Lupo, “il lupetto più amabile e affettuoso che una mamma possa desiderare”, ma che ha commesso un grave reato, ha mangiato un agnello. Aveva fame, si giustifica il Lupo.

E così il Processo al Lupo prosegue tra gli interventi e le obiezioni di dell’avvocato De Capriis e l’avvocato Bulldog. Cosa può giustificare un atto così istintivo e, d’altra parte, così nocivo per la preda? Con gli interventi di Sasha Cinghiale, Leo Talpa e il perito Sigmud Asin, la storia prenderà una piega inaspettata e divertente.


Stéphan Henrich, prolifico autore e illustratore francese, torna in Italia con Processo al Lupo, un albo ad alta leggibilità pubblicato da Biancoenero edizioni. Un racconto armonico e ironico sul leggero limite tra istinto e rispetto dell’altro, bisogno e consapevolezza; un racconto in cui i protagonisti sono animali umanizzati narrati e illustrati nella loro forza e debolezza. Una piacevole lettura da fare con i bambini di ogni età per riflettere con loro su tolleranza e rispetto, consapevolezza e verità.

Informazioni su Giulia Siena

Direttore. Per gli amici: il direttore di ChrL. Pugliese del nord, si trasferisce a Roma per seguire i libri e qui rimane occupandosi di organizzazione di eventi e giornalismo declinato in modo culturale e in salsa enogastronomica. Fugge, poi, nella Food Valley dove continua a rincorrere le sue passioni. Per ChrL legge tutto ma, come qualcuno disse: "alle volte soffre un po' di razzismo culturale" perché ama in modo spasmodico il Neorealismo italiano e i libri per ragazzi. Nel 2005 fonda la rubrica di Letteratura di Chronica.it , una "vetrina critica" per la piccola e media editoria. Dopo questa esperienza e il buon successo ottenuto, il 10 novembre 2010 nasce ChronicaLibri, un giornale vero e proprio tutto dedicato ai libri e alle letterature, con occhio particolare all'editoria indipendente. Uno spazio libero da vincoli modaioli, politici e pubblicitari. www.giuliasiena.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.