“I rompiscatole” e la salvezza dell’umanità.

Giulio Gasperini
AOSTA – Lo poetò anche Elsa Morante: “Il mondo salvato dai ragazzini”; sicché non più solo dalla bellezza, ma anche giovani eroi ed eroine senza mantello, che poco hanno di cinematografico ma che squadernano una potenza inarrestabile e imprescindibile. Greta Thunberg ne è soltanto l’esempio più recente e mediatico, ma come lei sono innumerevoli gli esempi di ragazzi e ragazze che, in barba alla loro età, decidono di intraprendere dei percorsi di impegno sociale e civile: alcune volte costretti, altre volti motivati e consapevoli.

I rompiscatole di Vittoria Iacovella, edito da Risfoglia Armando Curcio Editore e accompagnato dalle illustrazioni di Lorenzo Santinelli, costituiscono un catalogo ricco e dettagliato di queste storie. Il libro propone una galleria di dieci narrazioni intense e commoventi – ovvero, dal potere di “mettere in movimento”, di “agitare” – di vicende più o meno lontane nel tempo e nello spazio, più o meno conosciute e celebrate dalla cronaca e dai social, ma che nutrono i sentimenti costitutivi dell’intimità umana, che edificano i valori più saldi e più profondi della collettività.

Dalla vicenda della nuotatrice siriana Yusra Mardini, a Valerio Catola, premiato recentemente dal presidente Mattarella, dall’inventore dell’alfabeto per non vedenti Louis Braille alla vicenda della giovanissima ragazza in affido Aurora Sirigu, queste storie testimoniano la forza, la determinazione, la prontezza di sensi e spirito di una categoria sociale, quella dei giovani, troppo spesso demonizzata e imprigionata all’interno di definizioni impietose e implacabili.

La resistenza, la disobbedienza, il senso di apparente inadeguatezza, spesso, alla luce di queste narrazioni scorrevoli e nutrienti, si plasmano come valori imprescindibili e non come atteggiamenti puerili o adolescenziali.

Ovviamente, nessuno di loro è un supereroe, con una vocazione divina o con poteri disumani; sono semplici giovani di straordinaria ordinarietà ma che si animano per un ideale e sanno trovare il coraggio necessario, con una naturalezza disarmante, per scardinare l’ordine costitutivo e trovare quella crepa da cui far entrare la luce della fratellanza e dell’impegno innocente. A dimostrare a tutti noi, grandi e piccoli, che il cambiamento non ha nulla di eroico, ma soltanto qualcosa di possibile e comodamente a portata; basta la volontà.

Informazioni su Giulio Gasperini

Laureato in italianistica (e come potrebbe altrimenti), perdutamente amante dei libri, vive circondato da copertine e costole d’ogni forma, dimensione e colore (perché pensa, a ragione, che faccian anche arredamento!). Compratore compulsivo, raffinato segugio di remainders e bancarelle da ipersconti (per perenne carenza di fondi e per passione vintage), adora perdersi soprattutto nei romanzi e nei libri di viaggio: gli orizzonti e i limes gli son sempre andati stretti. Sorvola sui dati anagrafici, ma ci tiene a sottolinare come provenga dall’angolo di mondo più delizioso e straordiario: la Toscana, ovviamente. Per adesso vive tra i 2722 dello Zerbion, i 3486 del Ruitor e i vigneti più alti d’Europa.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.