Il Maggio dei Libri, torna a Ivrea la XII edizione

Oltre un mese di eventi per la campagna del Centro per il libro e la lettura

IVREA – Quella straordinaria macchina del tempo che è la lettura, capace di trasportare in ogni quando e in ogni dove, è pronta: la partenza è sabato 23 aprile alle 11 al Teatro Giacosa di Ivrea, Capitale italiana del libro 2022. Da qui, infatti, si comincia a Leggere al futuro, con l’evento inaugurale della dodicesima edizione de Il Maggio dei Libri, la campagna del Centro per il libro e la lettura che fino al 31 maggio invita a realizzare iniziative ispirate al tema istituzionale ContemporaneaMente. Leggere per comprendere.

“Nelle enormi difficoltà degli ultimi anni, il mondo del libro, si è dimostrato capace, grazie all’ingegno e alla generosità dei soggetti più diversi, di tenere unite comunità e persone, di salvaguardare legami e attività, di dare un senso nuovo a quel tempo di sospensione e solitudine”, commenta Marino Sinibaldi, Presidente del Centro per il libro e la lettura. “Da un lato, le reti territoriali costruite e cresciute intorno ai libri si sono fatte trovare pronte nel momento del bisogno, dall’altro è apparso evidente il potere della lettura come esperienza non solo individuale ma di condivisione e creazione di collettività. Ecco perché accanto all’idea evocata dal tema istituzionale ContemporaneaMente, proponiamo un confronto su cosa significa leggere al futuro, a partire dalle energie che si sono attivate in questi anni difficili. Ed ecco perché la dodicesima edizione de Il Maggio dei Libri inizia a Ivrea, Capitale italiana del libro 2022: per la sua eredità culturale e tecnologica, capace di essere forza propulsiva di una cultura del libro dinamica, all’altezza delle sfide dei nostri tempi e custode delle migliori tradizioni e pratiche che fanno della lettura un irrinunciabile strumento di progresso”.

Questa energia creativa scaturisce anche dall’immagine coordinata realizzata dall’illustratrice Gaia Cardinali in collaborazione con Romics, nella quale simboli di epoche e generi letterari si fondono, uscendo dalle pagine dei libri e invitando a seguirli in tanti futuri reali, e non solo immaginari. Dal 23 aprile dunque, giornata mondiale UNESCO del libro e del diritto d’autore, si rinnova la sfida a inventare occasioni di lettura, in presenza o in digitale, per lasciarsi coinvolgere in viaggi e imprese mirabili, per incontrare i personaggi più vari come pure se stessi, per scoprire il gusto di essere uno, nessuno e centomila. Magari lasciandosi ispirare dalle tre declinazioni tematiche di quest’anno: Leggere per comprendere il passato; Leggere per comprendere il presente; Leggere per comprendere il futuro.

Come da tradizione, anche quest’anno la campagna sarà scandita da alcune iniziative speciali, accanto alle migliaia frutto della passione e delle energie degli amanti dei libri: dal ciclo di incontri del Centro per il libro e la lettura Leggere al futuro al Salone Internazionale del Libro di Torino, alle tre speciali video-lezioni della Fondazione Treccani Cultura dedicate ai filoni della campagna, dalla piattaforma Leggiamoci dedicata a ragazze e ragazzi della Fondazione Maria e Goffredo Bellonci ai Laboratori per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo di istruzione a cura di Istat, dai cicli di incontri in programma tra Bologna e Modena di BPER Banca, a quelli della Fondazione Circolo dei lettori di Torino, dal palinsesto per gli 800 anni dell’Università di Padova, ai contenuti esclusivi di lafeltrinelli.it e IBS.it, dalla celebrazione di importanti anniversari letterari con il festival Taobuk e l’Associazione Forum del Libro alle iniziative che celebrano i libri e la lettura ad alta voce con LetturaDay di ADEI e Una rosa per un libro di Nati per Leggere. Una rete di appuntamenti non solo nazionale, infatti, grazie alla collaborazione del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, la campagna verrà valorizzata attraverso il portale italiana dedicato alla promozione della cultura del nostro Paese all’estero.

Il viaggio di questa dodicesima edizione de Il Maggio dei Libri si concluderà il 31 maggio ad Assisi, chiamando a raccolta le Città che leggono, con il Convegno nazionale dei Patti per la Lettura: un importante momento di confronto fra i rappresentanti delle Conferenze Stato-Regioni e l’ANCI, nonché la migliore occasione per presentare la banca dati delle Città che leggono, strumento indispensabile per rafforzare, ampliare e coordinare la rete dei soggetti attivi nella promozione della lettura. Ed è proprio questa grande comunità la protagonista dell’appuntamento, con l’obiettivo di individuare e mettere a sistema le migliori pratiche per la diffusione della cultura del libro. In questo contesto inoltre, sarà illustrato il numero di “Città che Legge – Libri e riviste d’Italia”, magazine ufficiale del Centro per il libro e la lettura, dedicato ad Assisi.

Infine, per restare in un’atmosfera di eroiche sfide e avventure, anche quest’anno le iniziative inserite nella banca dati de Il Maggio dei Libri e realizzate fra il 23 aprile e il 31 maggio 2022 si sfidano per Il Premio nazionale per il libro e la lettura, conferito alle attività più originali e innovative e, soprattutto, agli organizzatori che abbiano fatto rete con altre realtà territoriali. Cinque le categorie premiate: Biblioteche, mediateche e sistemi bibliotecari; Associazioni, istituti culturali, centri studi e ricerche; Istituti scolastici; Carceri, strutture sanitarie e di accoglienza per anziani; Librerie. I progetti vincitori saranno annunciati su sito e social del Centro per il libro e la lettura e de Il Maggio dei Libri e premiati a Più Libri Più Liberi, la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria, a Roma dal 7 all’11 dicembre 2022.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.