"Il raggio verde", il vivido viaggio di Blaise Cendrars

Giulia Siena
ROMA – Blaise Cendrars: brace e cenere. Un uomo che ha vissuto con l’ardente curiosità di un viandante, uno scrittore che è rinato dalle proprie ceneri per portare avanti le sue storie. Blaise Cendrars (1887-1961), pseudonimo di Frédéric-Louis Sauser è l’autore de “Il raggio verde”, l’ultima pubblicazione di Via del Vento Edizioni nella collana Ocra gialla. Il volume, curato magistralmente da Antonio Castronovo, venne pubblicato per la prima volta nel giugno del 1938 sul settimanale francese “Candide” e, successivamente, inserito nella raccolta di racconti pubblicata in quello stesso periodo da Grasset, “La vita rischiosa”. Quest’ultimo titolo è emblematico per il vissuto dell’autore svizzero, la cui vita è stata segnata da una adolescenza vagabonda e dalla perdita, nel 1915 sul fronte franco-tedesco, della mano destra. Così, la quiete che aveva trovato nella scrittura durante la giovinezza ribelle ebbe una battuta d’arresto con il grave cambiamento che subì la sua esistenza. Ma, l’autore seppe gestire il proprio sconforto e rinacque dalle proprie ceneri, proprio come suggerisce il nome che si diede. Gli eventi tragici che segnarono le diverse tappe dell’esistenza di Cendrars, alimentarono e forgiarono una scrittura fatta “con gli occhi”, reale, luminosa, viva nella pagina; caratteristiche che fecero di Blaise Cendrars il “Matisse della scrittura”. 

Ne “Il raggio verde”(36 pagine) , l’autore riversa silenziosamente la sua esperienza di viaggiatore errante e di soldato sul fronte; “Il raggio verde” è la vivida cronaca di un viaggio attraverso l’Atlantico. Qui, due uomini si rincontreranno dopo aver combattuto la stessa battaglia e, nonostante le diffidenze iniziali, sapranno confrontarsi.
“Era la prima volta che lasciavo l’Europa dopo la guerra e se avevo scelto di salire su questo vecchio bastimento, la ragione era proprio di potermi fermare strada facendo, sperando addirittura di restare in panne a metà percorso, talmente la vita a bordo mi sembrava bella: trovavo davvero che fosse cosa buona riprendere contatto con l’universo, l’oceano, il cielo, il monsone, i pesci volanti, il calore dei tropici, l’acqua salata, le costellazione dell’altro emisfero, i pellicani e i gabbiani, la vera essenza delle cose, e i marinai, che sono gli uomini più comprensivi, ma anche i più misteriosi del mondo.”

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.