“La deontologia del giornalista”, il giornalista ideale.

Roma – Molti di voi conosceranno questo manuale che viene consigliato per il colloquio finale del percorso dei pubblicisti romani.

Da più di trent’anni l’Ordine dei giornalisti, grazie alla collaborazione con il Centro di Documentazione Giornalistica, pubblica dei testi con l’obiettivo di dare utili strumenti a chi si avvicina alla professione. All’inizio erano un paio di volumi che dovevano solo integrare le esperienze fatte gomito a gomito con i colleghi più anziani ed esperti, oggi l’opera è formata da diversi tomi che affrontano l’attività professionale nel suo complesso.

“La deontologia del giornalista”, volume a cura di  Michele Partipilo, affronta i nodi strategici legati alla funzione e alla libertà professionale con una completa ricognizione dei princìpi etici, dei doveri e delle norme – previste dalla legge o dai codici di autoregolamentazione – che costituiscono la cornice all’interno della quale chi fa informazione deve muoversi.”

Il volume fa parte anche del Materiale didattico per il Corso ” Il pubblicista. Corso di preparazione al colloquio per l’iscrizione all’albo“, che consente di ottenere l’attestato propedeutico per sostenere l’esame orale finalizzato all’iscrizione nell’elenco pubblicisti.

 

Informazioni su Marianna Abbate

Innamorata dei libri da sempre, ne ha fatto oggetto di studio. Ama il Medioevo e Federico II di Svevia e per fame di shopping ha svolto mille lavori orrendi. Ha scritto e condotto con Giuseppe di Chiera il programma radiofonico "Pandora e Senofonte" sull'emittente romana RM12. Il suo punto debole sono il gossip storico e le storie d'amore. Conosce un mucchio di poesie tristi a memoria con le quali adora ammorbare gli amici.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.