Leggermente: oltre 60 autori, quasi 70 case editrici per due settimane di incontro e confronto

Leggermente-Lecco-2016LECCO – Settima edizione per Leggermente, la manifestazione di promozione della lettura organizzata da Confcommercio Lecco e in programma, quest’anno, dal 10 al 24 marzo. Due settimane di eventi, confronto, incontro e dibattiti insieme a oltre 60 illustri autori e quasi 70 case editrici proveniente da tutta Italia. Un’edizione ricca, quella del 2016, che darà ampio spazio alla letteratura per l’infanzia, ai grandi nomi dell’editoria contemporanea e alle tante novità di questi ultimi mesi. Leggermente 2016, inoltre, punta i riflettori sul tema/problema dell’identità. Identità è cambiamento, modo di pensare, idee, relazioni, valori; identità è scelta, sfida, equilibrio. L’identità, nei tempi moderni, è strettamente connessa alla ricerca costante e a una sorta di ambivalenza: da una parte ci accompagna la convinzione di poter cambiare identità per scelta e volontà propria e dall’altra la sensazione che si dia sempre la possibilità di perderne il controllo. La forte instabilità, il crescente stato di incertezza sul proprio assetto presente e futuro, sulla propria identità, lasciano soli e costringono a un notevole e accelerato sforzo di revisione degli schemi cognitivi, delle chiavi di lettura, degli strumenti culturali per comprendere e governare ii cambiamento e per non esserne travolti.

Leggermente quest’anno si propone di aprire i riflettori su questa tematica e di offrire punti di vista, spunti di riflessione collettiva, libri di autori ed esperti di settore.

Interrogare l’identità umana con un approccio che eviti la frammentazione e veda le discipline tutte unite tra di loro in un rapporto di interazione e di interdipendenza per illuminare la complessità dell’identità. Il contributo specialistico e settoriale delle scienze separate tra loro, pur utile, ci fa scontrare con il paradosso che più conosciamo e meno comprendiamo l’essere umano.

Occorre uno sguardo multiforme, una “riforma del pensiero” che eviti di frantumare l’umano e insieme sappia fare propria l’idea che sia difficile se non impossibile esprimere quella sintesi, quell’”impasto” che caratterizza ognuno di noi in modo unico, singolare, irripetibile. Solo nella letteratura, nell’arte, nella poesia è forse possibile ritrovare identità che si muovono lungo strade e percorsi di vita.

 

Vedi QUI il programma completo della manifestazione

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.