A Bi Book: Brescia capitale dei libri per bambini. Fino al 9 ottobre

a-bi-book_2016_chronicalibriBRESCIA – Fino al 9 ottobre Brescia ospita la seconda edizione di A Bi  Book, il Festival della letteratura della prima infanzia che con oltre 50 appuntamenti distribuiti nel corso della manifestazione in diverse location del centro storico, invaderà tutta la città. L’evento, nato dalla collaborazione delle cooperative Co.Librì e Zeroventi, ha come tema, quest’anno, il “Girotondo delle piccole cose” ovvero i libri della primissima infanzia – all’apparenza “semplici” –  popolati di oggetti della quotidianità che aiutano i bambini ad ampliare la conoscenza del proprio ambiente. Nelle pagine dei libri proposti, dunque, saranno gli oggetti di tutti i giorni a prendere vita per raccontare storie ma, prima ancora, per richiamare nella mente dei piccolissimi lettori cose viste, sperimentate, conosciute e magari manipolate in prima persona. Il percorso di scoperta del libro e della lettura dalla nascita fino a 36 mesi comprende il passaggio attraverso varie fasi, caratterizzate da modi diversi di cogliere il contenuto del libro. La prima narrazione, dunque, partirà da riferimenti che il bimbo è in grado di conoscere, ovvero le piccole cose che popolano la sua vita. Una lettura che, per forza di cose in questa epoca della vita, nasce all’interno di una relazione genitore/figlio o educatore/bambino facendosi mediazione fra il mondo raffigurato sul libro e quello reale che il piccolo sta imparando a conoscere.ediatamente precedenti il Festival come tappe di avvicinamento alla manifestazione.

Durante il Festival saranno attivi laboratori, workshop e conferenze in contemporanea in diversi luoghi della città.

A chiudere il Festival sarà la conferenza in programma sabato 15 ottobre alle ore 10.30 dal titolo “Piccolo blu e piccolo giallo e gli altri: storie di inclusione… e di esclusione”, con Donatella Lombello (studiosa senior dello Studium Patavinum, già docente di letteratura per l’infanzia e di pedagogia della biblioteca scolastica) e Roberta Morelli, assessore all’Istruzione del Comune di Brescia.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.