"STUPIDORISIKO": la guerra, un gioco stupido

Giulia Siena

ROMA “Nessuna guerra mette fine alle guerre, lo so, altrimenti io, SuperSoldatoMario, non sarei qui, in un teatro di guerra. Se non fossi così stanco mi alzerei dalla branda. Ma per fare cosa? Non ho la play, né il computer o la tv. E allora penso. Penso che mi sembra di essere dentro il gioco del risiko, ma stupido, e che non finisce mai.” Come si fa a spiegare la guerra ai bambini? Da dove bisogna partire per spiegare ai più piccoli che la guerra è una cosa vecchia e che fa solo del male? Da queste domande parte il progetto editoriale ideato da Carthusia Edizioni in collaborazione con Emergency: “Stupidorisiko”. Il libro, scritto da Patrizia Pasqui, è il “prodotto evoluto” dello spettacolo teatrale messo in scena in tutta Italia dall’attore Mario Spallino con testi della stessa Pasqui. Nei secoli si è pensato ai conflitti come a giochi di potere tra le Nazioni, ma così il protagonista del libro non riesce a vederla. Mario, SuperSoldatoMario, entra nell’esercito per avere un lavoro, una stabilità economica e per difendere la propria patria ma, guardando a tutto il male che fa la guerra, non è più convinto di ciò. Ora Mario sperimenta che la guerra è ovunque, anche fuori dalle pagine dei giornali; a soffrirne sono soprattutto i civili e tra questi i bambini. Loro sono le vittime poiché vengono sfruttati, danneggiati e dimenticati: dai bambini soldato alle vittime delle mine antiuomo. Così Mario, dopo aver dialogato con tutti i bambini, insegnato la geografia che muove i conflitti, spiega loro che i bambini di guerra vengono salvati grazie all’aiuto di ospedali coraggiosi. A uno di questi, il Centro chirurgico per vittime di guerra a Lashkar-gah in Afghanistan, verranno devoluti i proventi di “Stupidorisiko”. 
Il libro, con prefazione di Lella Costa, contiene inoltre splendide illustrazioni di Paolo Rui (tra cui anche quattro grandi poster) e box informativi che spiegano in modo semplice e conciso i grandi accadimenti della storia.