Alfabeto di Quarantena

Le parole: alfabeto di quarantena, H – hobby

Giulia Siena
PARMA
– Avevamo tanto tempo in quei giorni in cui tutto ci sembrava infinito: tempo, noia, preoccupazioni, titubanze. In quel momento molti di noi, stanchi dei social, della connessione e delle onnipresenti video-chiamate, hanno scelto di tornare ad alcune “antiche passioni”. Gli hobby – che avevamo quasi dimenticato come vecchi jeans dismessi poiché troppo corti, troppo larghi, troppo stretti o troppo fuori moda – sono ricomparsi a gamba tesa per riprendersi i propri vecchi ruoli. All’improvviso piccole e soddisfacenti attività hanno ritrovato spazio nelle nostre vite non più affollate e caotiche.

Continua

Alfabeto di Quarantena

Le parole: alfabeto di quarantena, G – gioia

Giulia Siena
PARMA
– Sembra che la normalità stia facendo capolino nelle nostre vite. Timidamente abbiamo ricominciato (per chi aveva dovuto smettere) a mettere il naso fuori da casa – ma dentro la mascherina- , riprogettare la quotidianità e le occasioni sociali. Abbiamo dovuto archiviare le titubanze e rimodulare le nostre abitudini in base alle esigenze dell’oggi. Quell’oggi che abbiamo atteso tra paure e consapevolezze ora è qui; ora possiamo tornare a guardarci, a sorridere insieme, a raccontarci i tanti progetti che abbiamo accantonato, le piccole conquiste, le ricette riuscite, le paure e tutti i film che siamo (o non siamo) riusciti a vedere.

Continua

Alfabeto di quarantena: B – Bambini

Giulia Siena
PARMA
– Sembra che il tempo stia rallentando la sua corsa. Siamo in affanno, siamo impotenti, siamo osservatori inermi. E la vita (e le vite degli altri) ci sta attraversando mentre siamo occupati tra dati statistici e bollettini delle ore 18.00, quelli prima della sera, quelli che raccontano la giornata che è stata. Le evoluzioni, le percezioni, chi c’è ancora, chi non è riuscito a farcela. Intanto ci intimano di rimanere a casa, a fare il nostro. E rimaniamo fermi in questa quarantena che ci modifica e ci plasma, ci ridimensiona e, a momenti alterni, ci toglie l’ottimismo.

Continua