NEO Edizioni: l’esordio narrativo di Giampaolo G. Rugo

“Acari”, la vita e come va a finire

Apparentemente Acari è un libro di racconti. Ma quello che costruisce Giampaolo G. Rugo – autore di cinema, radio e televisione – è un intreccio narrativo complesso che si dispiega chiaro davanti agli occhi del lettore solo procedendo con le storie. Solo sul finire, quando la sorpresa cede il passo alla malinconia. E quelle qui contenute, di storie, sono tante, diverse, forti e nostalgiche.

Gimbo, Mario, Claudia, i Tre tenori, Franco, Aldo e la Donna più vecchia del mondo sono personaggi, all’apparenza, con vite autonome e proprie; eppure le vite, come sappiamo bene, non hanno mai una sola dimensione, un’unica prospettiva, un’unica via di accesso, un unico legame: quelle plasmate da Rugo sono vite dalle sfumature forti e reali che si intersecano a formare un labirinto sociale nel quale si dissimula una solitudine troppo vera, troppo invasiva.

Pubblicato nella collana Dry della Neo Edizioni, Acari, prima prova narrativa di Rugo, copre un arco temporale lungo: dagli anni Ottanta ai giorni nostri, intrecciando vicende d’attualità ad esistenze di “invisibili” qualsiasi che nella finzione televisiva, nel pentimento di un rullino mai sviluppato, nella disperazione di un fallimento lavorativo e in tante domande mai fatte, troveranno direzioni da prendere. Le scelte, nella vita di Claudia – venditrice di aspirapolveri porta a porta – determineranno una nuova consapevolezza; la vita di ora, dopo il clamore, la droga, l’oblio, è un vestito ancora nuovo al quale abituarsi. “Da oggi, si disse, sarebbe cominciata la sua nuova vita. […] Ma sì!” E pure per Mario, la fuga dalle responsabilità, quel nuovo percorso accanto al corpo nervoso di Gimbo, ai suoi tratti che si distendono solo nel sonno, è una via del tutto nuova rispetto alle corse nei corridoi della scuola, per perlustrare lo zaino di quella ragazza che gli piaceva così tanto. I ricordi di gloria sono lontani, incastonati in quegli anni Novanta in cui tutto era possibile per i Tre tenori del calcio romano; poi l’infortunio, i pochi soldi, la “roba” da lasciare nel carrello, le lacrime di commozione e rimpianto.
Come cambiano le cose. Tutti i tasselli, ogni volta, prendono un nuovo posto nel mosaico ordinato della vita. In queste esistenze veloci e dal gusto amaro c’è la consapevolezza e il distacco, la leggerezza di un fardello ingombrante eppure indispensabile.

Acari è una prima prova riuscita: ha una narrazione forte, destabilizzante in un climax in costante crescita poiché tutto viene svelato in progressione e molto è il sottotesto da elaborare, interpretare, rileggere.

Camminano attaccati, attratti da una forza misteriosa che li aggrega, li unisce in un blocco unico, coeso: come fossero una cosa sola.

Informazioni su Giulia Siena

Direttore. Per gli amici: il direttore di ChrL. Pugliese del nord, si trasferisce a Roma per seguire i libri e qui rimane occupandosi di organizzazione di eventi e giornalismo declinato in modo culturale e in salsa enogastronomica. Fugge, poi, nella Food Valley dove continua a rincorrere le sue passioni. Per ChrL legge tutto ma, come qualcuno disse: "alle volte soffre un po' di razzismo culturale" perché ama in modo spasmodico il Neorealismo italiano e i libri per ragazzi. Nel 2005 fonda la rubrica di Letteratura di Chronica.it , una "vetrina critica" per la piccola e media editoria. Dopo questa esperienza e il buon successo ottenuto, il 10 novembre 2010 nasce ChronicaLibri, un giornale vero e proprio tutto dedicato ai libri e alle letterature, con occhio particolare all'editoria indipendente. Uno spazio libero da vincoli modaioli, politici e pubblicitari. www.giuliasiena.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.