Nottetempo, La vita anteriore

La seconda prova narrativa di Mirko Sabatino merita la nostra lettura

Giulia Siena
PARMATu sei me che comincio, io sono te che finisci. E’ l’allucinazione di un moribondo, questa, oppure è il sogno di un nascituro”? L’uomo sorride. “Forse tutt’e due le cose insieme. La vita e la morte che si attraversano in un istante lungo, lunghissimo. Magari è questo, l’eternità”.

Di eternità, vissuto, perdite, famiglia, amicizia, incontri e fughe è fatto La vita anteriore, secondo romanzo dello scrittore, mio conterraneo, Mirko Sabatino. Tante tematiche – mi direte. Un po’ le solite tematiche – aggiungerete. Cosa c’è di nuovo? – chiederete. La vita anteriore è impastato di dolcezza e realtà ed ha un intreccio narrativo particolarissimo – vi risponderò: è diviso in quarto parti che anticipano e raccontano la storia di Ettore Maggio.

Quest’ultimo nasce nell’aprile del 1977 in una famiglia allargata composta da tante donne; suo nonno Ottavio, pasticcere, è l’unica figura maschile che avrà dopo che suo padre, Antonio Parisi, “andrà via” proprio il giorno della nascita di Ettore. Siamo in una cittadina della Puglia garganica, l’arrivo del bambino stravolgerà la vita della giovane Marina e addolcirà il carattere di nonno Ottavio. Comincerà così tra loro un intensissimo legame che si spezzerà tragicamente in una giornata come tante. L’amicizia con Bruno prenderà vita lì dove la vita aveva tolto a quei bambini qualcosa di fondamentale; l’arrivo di Irene, poi, completerà un triangolo in cui si imparerà ad accogliere l’ascolto, la comprensione, la diversità, il ritorno e l’amore ogni oltre distanza.

La storia si dispiega nel tempo e percorre luoghi, stati d’animo, ribellioni e ricerche. Per questo il secondo romanzo di Sabatino – pubblicato anch’esso da Nottetempo, così come il successo L’estate muore giovane – è una di quelle letture che vale la pena fare. Per la storia, per i sentimenti di cui sono intrise le pagine, per le sensazioni che regala e lascia. E poi perché c’è sempre bisogno di narrazioni che ci mettano di fronte alle nostre paure.

Paure di non riuscire, paura di fallire, paura di non diventare, paura di non avere tempo. Questo uno degli aspetti che mi ha più colpito de La vita anteriore, oltre alla storia con un finale aperto, è la capacità del tempo. Il tempo non è nostro nemico. La nostra vita non è solo corse, lavoro, routine e obiettivi. Il tempo è un signore paziente che ci osserva mentre facciamo voli pindarici più o meno reali. Ristabiliamo il valore del tempo. Diamo a quel vecchio signore – Tempo – la possibilità di parlarci. Ascoltiamolo. Lasciamoci guidare.

Ah, recuperate anche la lettura de L’estate muore giovane. Ma se siete arrivati fin qui a leggermi, sono certa che lo farete.

Le nostre vite non ci bastano per capire, e fanno sempre troppo rumore. E’ per questo che ci sono i libri. Un libro è una vita che accade in silenzio.

Informazioni su Giulia Siena

Direttore. Per gli amici: il direttore di ChrL. Pugliese del nord, si trasferisce a Roma per seguire i libri e qui rimane occupandosi di organizzazione di eventi e giornalismo declinato in modo culturale e in salsa enogastronomica. Fugge, poi, nella Food Valley dove continua a rincorrere le sue passioni. Per ChrL legge tutto ma, come qualcuno disse: "alle volte soffre un po' di razzismo culturale" perché ama in modo spasmodico il Neorealismo italiano e i libri per ragazzi. Nel 2005 fonda la rubrica di Letteratura di Chronica.it , una "vetrina critica" per la piccola e media editoria. Dopo questa esperienza e il buon successo ottenuto, il 10 novembre 2010 nasce ChronicaLibri, un giornale vero e proprio tutto dedicato ai libri e alle letterature, con occhio particolare all'editoria indipendente. Uno spazio libero da vincoli modaioli, politici e pubblicitari. www.giuliasiena.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.