Libri. E se cominciassimo a leggere meglio?

Oligo: Libri, un saggio di Luigi Mascheroni

Interrogo i libri e mi rispondono. E parlano e cantano per me. Alcuni mi portano il riso sulle labbra o la consolazione nel cuore. Altri mi insegnano a conoscere me stesso”, diceva Francesco Petrarca. Oggi questa tesi viene confutata – in parte – da Luigi Mascheroni, giornalista classe 1967, autore di Libri. Non danno la felicità (tanto meno a chi non li legge). Il piccolo saggio, pubblicato da Oligo Editore, desacralizza l’oggetto libro e scandaglia l’ossessione di amare indistintamente i libri poiché, questo, diventa non amarli.

Continua

I roghi di libri e omosessuali nella Germania nazista.

Giulio Gasperini
AOSTA – Il rogo è figura totemica nei romanzi di Helga Schneider: un fuoco che brucia e distrugge, che cancella e devasta. Dallo splendido “Il rogo di Berlino”, la Schneider, che da anni vive in Italia e scrive in italiano, continua a indagare – con una precisione antropologica persino chirurgica – la Germania e il suo popolo durante l’ascesa, il dominio e il crollo del regime nazista. Torna adesso, la Schneider, in libreria con un romanzo potentissimo, edito da Oligo Editore: Bruceranno come ortiche secche racconta la vicenda di un gruppo di omosessuali durante il periodo di ascesa del nazismo al potere, prima che diventasse completamente chiaro e palese il destino che attendeva, feroce e crudele.

Continua